Indiana fa il Bambin Gesù, il partito di destra non ci sta

Benigna Munsi

Sarà una ragazza di origini indiane a interpretere il Bambin Gesù nel famoso mercatino di Natale di Norimberga, in Germania. E i membri del partito di estrema destra, Alternative for Germany (AfD), hanno espresso sui social la loro indignazione. Benigna Munsi, 17 anni, nata a Norimberga da padre indiano e madre tedesca è la prima "Christkind" - il Bambin Gesù in tedesco - non bianca.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Sfilano vestiti da nazisti al Lucca Comics. Il Comune prende le distanze

Un post di un esponente del partito di Afd, che è stato poi cancellato, alludeva a una denigrazione della Germania che si sarebbe abbassata a scegliere una ragazza di origini indiane, per un ruolo da sempre riservato ai bianchi tedeschi.

GUARDA ANCHE: Razzismo, la risposta di Mario Balotelli

"Riderei se non sapessi che questi ragazzi sono seri, ma potrei piangere per questo livello di misantropia" - ha detto il sindaco di Norimberga Ulrich Maly, che ha poi aggiunto - "questi commenti hanno una connotazione apertamente razzista".

Una giuria aveva scelto all'unanimità la diciassettenne tra 25 donne candidate a ricoprire il ruolo di "Christ Child" della città bavarese settentrionale per due anni. Benigna, allieva del liceo Labenwolf (Gymnasium) della città, dopo essere stata presa di mira si è rallegrata per la solidarietà di centinaia di utenti che l'hanno difesa: "Sono particolarmente sorpreso dalla risposta positiva che ricevo da tutti i commenti o da tutti i messaggi privati. Ricevo molti messaggi positivi che mi dicono: 'Rallegrati, non tutti le persone sono così negative".

LEGGI ANCHE: Cosa rischia chi si macchia di odio razziale, anche online

IL presidente della filiale AfD che copre la periferia di Monaco, Christina Specht, si è scusata dicendo che l'osservazione di quell'utente non rifletteva i valori del partito. L'autore del post ha rassegnato le dimissioni e la Specht ha aggiunto che in futuro le dichiarazioni della filiale AfD verranno ricontrollate.