Ragazza picchiata e segregata a Corsico dal proprio fidanzato

ragazza picchiata segregata corsico

Ennesimo caso di violenza sulle donne. A Corsico, comune in provincia di Milano, una ragazza di 21 anni è stata picchiata violentemente e segregata in caso dal proprio fidanzato. La ragione di questo assurdo gesto è da ricondurre alla volontà della donna di lasciare il proprio compagno.

Stando a quanto riportato dal sito milano.fanpage.it, il fidanzato, un giovane di 24 anni, non avrebbe accettato la fine della relazione. Insieme ad un suo amico di 27 anni, avrebbe prima invitato la ragazza nel suo appartamento di Corsico, poi l’avrebbe picchiata con un bastone e chiusa in casa privandola del suo cellulare.

Ragazza picchiata e segregata a Corsico

Ad accorgersi che qualcosa non andava sono stati i vicini. Le forti urla provenienti dall’appartamento hanno indotto alcuni di loro a chiamare i Carabinieri. Giunti sul posto, al civico 19 di via Galilei, le forze dell’ordine hanno trovato la casa completamente a soqquadro. Evidenti i segni di una violenta colluttazione. In una stanza hanno trovato la ragazza, una 21enne di origine marocchina come i suoi due aggressori. Sul volto e sul corpo portava i segni del violento pestaggio.

La ragazza è stata prontamente accompagnata in ospedale dai militari dell’Arma. I medici che l’hanno curata e dimessa con una prognosi di 30 giorni: aveva un trauma cranico e svariate contusioni. L’ex fidanzato e il complice, invece, sono stati individuati dai Carabinieri della compagnia di Corsico e arrestati. Attualmente si trovano nel carcere di San Vittore con l’accusa di lesioni personali aggravate e sequestro di persona.