Ragazza sparita a San Paolo ritrovata morta in una fossa

·1 minuto per la lettura
studentessa scomparsa
studentessa scomparsa

Una studentessa 21enne scomparsa è stata ritrovata trovata morta in Brasile. Il macabro ritrovamento è avvenuto grazie ai vigili del fuoco: intorno al collo aveva un cappio. Mistero sul cellulare della giovane.

Studentessa scomparsa, ritrovato corpo

Julia Rosenberg era scomparsa mentre camminava dalla spiaggia di Pauba alla spiaggia di Maresias nella città di São Sebastião a San Paolo, in Brasile. Dopo la sua scomparsa, una squadra di soccorso l’aveva cercata per ore senza scoprire niente. Il ritrovamento è avvenuto grazie ai vigili del fuoco che hanno scoperto la tragica verità. Il corpo parzialmente sepolto della studentessa è stato trovato vicino a un sentiero coperto di foglie e terra. Si ritiene che si tratti di omicidio e che la morte sia avvenuta per strangolamento. La ragazza è stata trovata con una corda intorno al collo e dalle prime ricostruzioni sono stati anche rilevati tessuti nella sua bocca. Sempre sul collo presenta anche un segno “simile a quello di una cintura con una fibbia”, ma non ha subito altre ferite e non vi sono segni di aggressione sessuale. Il procuratore, che è stato incaricato del caso, ha affermato che Julia era completamente vestita.

La storia di Giulia

Julia viveva al centro di San Paolo, ma aveva trascorso la quarantena di coronavirus nella casa della sua famiglia, nella città costiera di São Sebastião. Proprio qui è avvenuta la è scomparsa. La polizia non ha ancora recuperato il cellulare di Julia. Attraverso i dati del dispositivo si potrebbe identificare il nome del suo assassino o degli assassini.