Ragazza violentata all’Isola d’Elba per un debito di 30 euro

ragazza violentata isola d'elba

Orrore sull’Isola d’Elba, dove una ragazza di 25 anni di origine nigeriana violentata per un’intera notte da un 30enne, suo connazionale. Gli abusi sarebbero stati scatenati dal mancato pagamento di un debito: la giovane non sarebbe stata in grado di restituire all’uomo una somma pari a 30 euro. L’aggressore è stato identificato e fermato dai Carabinieri.

Isola d’Elba, ragazza violentata

Sul caso indagano i Carabinieri di Portoferraio, in provincia di Livorno, che hanno rintracciato il 30enne e lo hanno fermato in qualità di indiziato. Il provvedimento è stato poi convalidato e il nigeriano è stato trasferito al carcere di Livorno. Le informazioni sull’accaduto sono ancora frammentarie. Secondo quanto dichiarato dagli inquirenti, la ragazza sarebbe stata violentata in un palazzo situata in una zona portuale dell’Isola d’Elba. La 25enne era appena arrivata sull’isola in cerca di lavoro.

Grazie alla testimonianza della giovane e all’aiuto dei familiari, i Carabinieri sono risaliti all’identità del 30enne. L’uomo avrebbe picchiato la giovane, costringendola a un rapporto sessuale non consenziente, perché non era in grado di saldare un debito di 30 euro.