Ragazzi on the road: incidenti, 850 over16 su mezzi di soccorso

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 11 nov. (askanews) - Nell'ultimo anno sono stati 151.875 sinistri (416 al giorno, +28,4% rispetto al 2020) con 2.875 vittime (7,9 ogni 24 ore, +20%) [dati bollettino ACI-Istat]. Un tasso di incidentalità in aumento che dipende da molteplici cause, ma su cui è urgente intervenire.

Una presa di coscienza e un impegno sul campo che guidano l'associazione On the Road, fondata a Bergamo 15 anni fa, che, grazie alla collaborazione delle forze dell'ordine e di numerose istituzioni ed enti, ha permesso ad oltre 800 ragazzi di 80 comuni italiani di vivere in prima persona una giornata "in servizio". Un format made in Bergamo, unico in Italia e in forte espansione sul territorio nazionale che rivoluziona il modo di educare alla prevenzione dei rischi sulla strada, alla gestione delle emergenze e alla legalità.

C'erano molti giovani, oltre che autorità ed istituzioni - circa 400 presenze - all'evento in programma oggi,Al Centro Congressi Giovanni XXIII, per celebrare i 15 anni di attività del progetto promosso dall'associazione socio-educativa, presieduta da Egidio Provenzi. L'evento è stato aperto con la testimonianza e la storia dei protagonisti del progetto, seguita dalla lettura del messaggio del Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi che, non potendo essere presente all'evento, ha inviato un messaggio di plauso sulla missione dell'associazione ed il meritevole impegno dell'iniziativa. Format nato dall'intuizione e sensibilità di un giornalista, oggi vicepresidente dell'associazione, Alessandro Invernici, ed un agente di Polizia Locale, Giuseppe Fuschino, che di fronte all'ennesimo incidente, in particolare sulle strade della Valle Seriana, hanno cercato una soluzione per diffondere prevenzione e consapevolezza ai più giovani, portandoli in strada in affiancamento alle Forze dell'Ordine, Polizia Locale e Soccorritori.

Durante la mattinata sono, inoltre, stati donati cinque defibrillatori ad altrettante istituzioni, con il prezioso sostegno e la collaborazione della Fondazione Credito Bergamasco.