Ragazzina morta di tumore: ritrovato il tema di Eleonora

Ragazzina morta di tumore: ritrovato il tema di Eleonora
Ragazzina morta di tumore: ritrovato il tema di Eleonora

La mamma di Eleonora - la ragazzina di 13 anni morta a settembre del 2018 per un osteosarcoma tre mesi dopo aver superato l'esame di terza media - potrà finalmente rileggere l'ultimo tema della figlia. Era questo il desiderio di Sabrina Bergonzoni, fondatrice dell'associazione Agito (Genitori insieme tumori ossei), che aveva lanciato un appello affinché potesse ritrovare l'ultimo scritto della figlia.

Dopo due ore di ricerche negli archivi della scuola media di Bologna dove la Eleonora aveva sostenuto le prove scritte da privatista per l'ammissione alla terza media, il tema è saltato fuori. Sabrina, che dal 2020 cercava di ottenerlo tra mail e telefonate, potrà ritirarne una copia lunedì.

GUARDA ANCHE: Una famiglia straordinaria: Sconfiggere insieme il cancro

"Non sapevo di questa vicenda prima, sono qui solo da pochi mesi - ha dichiarato la preside che dirige l'istituto scolastico bolognese da settembre - non appena ci hanno segnalato che la richiesta della mamma riguardava la nostra scuola ci siamo messi al lavoro, oltre gli iter burocratici formali. Quel tema doveva essere ritrovato".

La dirigente ha anticipato a Sabrina che "è un bel tema, di una bambina che racconta di una persona che ammira, un'amica di famiglia diventata da poco mamma".

"Una giornata che è stata un bagno di emozioni fortissime - ha sottolineato Sabrina Bergonzoni - ho incontrato l'affetto di tantissime persone, ora mi ritornerà un pezzo della mia Ele". "Sono felice di sapere che nella sua testa, mentre stava male, c'era ancora posto per le cose belle della vita e per la normalità".

LEGGI ANCHE: Muore di tumore a 13 anni, la battaglia della mamma: "Datemi il suo ultimo tema"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli