Ragazzina violentata a 13 anni resta incinta: arrestati i genitori

ragazzina violentata

Una ragazzina di 13 anni di Siviglia, in Spagna, è stata violentata da un uomo di 40 anni (di cui non si conoscono le generalità). L’aggressore è stato arrestato dalla polizia con l’accusa di abusi sessuali su minorenne (la figlia) che è rimasta incinta dopo il rapporto. La madre della giovanissima, inoltre, è stata a sua volta arrestata per presunto favoreggiamento: per lei è stata disposta la custodia cautelare. La 13enne si trova momentaneamente in un centro di protezione per minori, mentre entrambi i genitori attendono in carcere lo svolgimento del processo.

Ragazzina di 13 anni violentata

La giovanissima ha raccontato agli psicologi di aver subito violenze sessuali da parte del padre di 40 anni e di essere rimasta incinta dopo i rapporti. La scoperta è avvenuta in seguito a una visita pediatrica. La ragazzina di 13 anni soffriva di dolori addominali: dagli esami, infatti, è emersa la notizia di gravidanza, alla quale la giovane ha confessato la violenza sessuale subita dal padre. Quando però gli agenti si sono recati a casa per arrestare il 40enne, la mamma della giovane ha replicato: “Mia figlia ha molta fantasia, non credo sia vero ciò che dice”. Sono partire dunque una serie di indagini che hanno infine smentito la dichiarazione della madre. Gli abusi sessuali del padre nei confronti della 13enne si sono protratti per ben tre anni: l’uomo è stato arrestato. Anche la moglie dell’aggressore, inoltre, è stata sottoposta a custodia cautelare per favoreggiamento. Entrambi attendono in carcere il momento del processo.