Ragazzo autistico aggredito in riva al mare

·2 minuto per la lettura
Ragazzo con autismo aggredito
Ragazzo con autismo aggredito

Si è verificata a Bari l’aggressione ad un quattordicenne autistico che, sotto lo sguardo vigile della madre, stava giocando sulla spiaggia a lanciare in acqua legnetti e pietre.

14enne autistico picchiato in spiaggia a Bari

A denunciare l’accaduto è stata proprio la mamma dapprima con un post su Facebook, in seguito presso la stazione di polizia locale.

La donna si trovava in spiaggia insieme al figlio e ad una collega per godere della bella giornata soleggiata di inzio aprile, quando all’improvviso è avvenuta l’aggressione nei confronti de figlio da parte di un uomo.

Stava attuando dei comportamenti ripetitivi tipici dello spettro autistico, quando da un cancello è comparso improvvisamente sulla spiaggia un uomo grande e grosso che ha visto il mio bambino sulla riva e lo ha picchiato con un bastone.

Immediato il suo intervento in difesa del figlio, che ha evitato l’aggravarsi della situazione chiedendo senza indugio l’intervento delle forze di polizia.

Secondo quanto raccontato dalla donna:

Gli agenti hanno fatto il loro lavoro, fermando quell’uomo.

La reazione della comunità

Tantissimi i commenti di sdegno e rabbia sulla spiacevole vicenda comparsi sui social sotto il racconto della giovane madre. In parecchi infatti hanno porto le loro scuse per l’aggressione subita dal figlio e ne hanno preso le distanze.

Un gesto certamente non passato inosservato e che ha sorpreso piacevolmente la donna.

La testimonianza in diretta televisiva

In occasione della Giornata dell’Autismo, svoltasi il 2 aprile scorso, la mamma ha raccontato quanto accaduto anche in diretta televisiva, durante un’intervista realizzata al telefono, ringraziando ancora una volta per lo spazio dedicato alla delicata tematica dell’autismo e sottolienando il costante pericolo che i ragazzi da esso affetti corrono.

Se i loro comportamenti risultano molesti, possono incappare nella violenza, come successo a mio figlio. Sono costantemente in pericolo.

LEGGI ANCHE: