Raggi: Regione Lazio vuole trasformare decine cave in discariche -2-

Gtu

Roma, 1 dic. (askanews) - "Roma - sottolinea Raggi - ha chiesto di evitare l'anticipo della chiusura e, non avendo altri sbocchi, la cui indicazione per legge spetta sempre alle Regione, portare temporaneamente più rifiuti alla discarica già esistente di Civitavecchia. 'No, non vogliamo i rifiuti dei romani' hanno tuonato i sindaci di alcuni comuni. Ed è soprattutto a loro che scrivo".

"I romani - ricord ala prima cittadina della capitale - per decenni hanno accolto i rifiuti di Fiumicino e Ciampino nella discarica di Malagrotta. Ancora oggi presso l'impianto di Porcarelli, a Rocca Cencia, nella zona est della città, si trattano i rifiuti di oltre 50 comuni del Lazio, come il Tmb di Malagrotta tratta anche i rifiuti di Fiumicino", e "ogni giorno i romani ospitano 1 milione mezzo di persone e molte vengono dai loro territori: consumano e buttano a Roma e alcuni, non pochi, portano persino sacchi di spazzatura che non differenziano nei loro Comuni e che abbandonano in discariche improvvisate lungo le strade di Roma".

"I romani - rivendica - sono generosi: provate a chiederlo a chi da anni vive nelle vicinanze di Rocca Cencia o di Malagrotta, o lungo le strade di ingresso a Roma. Attenzione. Ci sono fin troppe frontiere. Non creiamone anche tra Regioni o Comuni. L'Italia è generosa e gli italiani sono sempre stati solidali".(Segue)