Raggi: Roma non mafiosa, da quando ci siamo noi cittadini denunciano

Red/Cro/Bla
·1 minuto per la lettura

Roma, 17 lug. (askanews) - "Ci sono state, ci sono tutt'ora e per troppi anni una parte importante della politica ha deciso di girare la testa dall'altra parte. Ricordo che abbiamo abbattuto otto villette dei Casamonica, tutti sapevano, ma preferivano per quieto vivere nella migliore delle ipotesi, o perch c'erano invece in qualche modo dei rapporti lasciarle l. Quando le abbiamo abbattute i cittadini erano commossi, non ci credevano neanche pi. Roma non una citt di mafie, una citt dove la mafia e la criminalit in parte ha preso il sopravvento, perch c' stata una bruttissima complicit politico affaristica, che ha impedito che questi gruppi fossero cacciati via". Lo afferma la sindaca di Roma, Virginia Raggi a Fanpage. "Le risposte la stiamo dando con i fatti, serve duro lavoro, serve perseveranza, nulla si ottiene schioccando le dita e nessuno ha la bacchetta magica. Per abbiamo dimostrato di saper fare i conti, di poter gestire i bilanci con il rigore del buon padre di famiglia e investire tutti i soldi che abbiamo in servizi per i cittadini", aggiunge la numero uno del Campidoglio. Raggi insiste e spiega che la sua giunta lavora e lo fa proprio nell'ottica di portare servizi in quelle periferie dove la crisi innescata dal coronavirus pu ancora peggiorare le cose, rafforzando il potere dei clan pronti anche ad investire ci capitali illeciti in attivit economiche in difficolt grazie. (Segue)