de Raho: mafia cinese in Toscana, il boss adorato come un dio

Sav

Roma, 27 nov. (askanews) - "La mafia cinese esiste come quella nigeriana: abbiamo indicazioni chiarissime in Toscana, dove il capo cosca era adorato addirittura come un dio e davanti al luogo in cui permaneva c'erano file di autovetture i cui conducenti scendevano solo per baciargli la mano". Così il procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo, Federico Cafiero de Raho, in audizione alla Commissione Schengen.

Sono "tantissime" le attività "gestite sotto il controllo della mafia cinese e anche qui la proiezione è quella propria della comunità: è nei confronti della comunità cinese che si svolgeva il controllo e l'intimidazione", ha concluso.