De Raho: preoccupa decisione europea su ergastolo ostativo

Prs

Torino, 5 nov. (askanews) - La decisione della Corte europea dei diritti dell'Uomo a proposito dell'ergastola ostativo "ci preoccupa". Così il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, a Torino per l'operaizone 'Cerbero' della Direzione Distrettuale Antimafia , che si è conclusa con una sessantina di arrestati.

"Chi e' mafioso resta mafioso, a meno che non faccia una scelta di campo, allontanandosi e rendendo dichiarazioni", ha detto De Raho, ricordando che molti esponenti della criminalità organizzata riescono a comunicare con i loro affiliati anche dal carcere.

"L'ergastolo ostativo e' figlio della reazione dello Stato dopo le stragi del 1992 - ha ricordato De Raho - L'esperienza mostra come gli stessi detenuti che si trovano in regime del 41bis e che hanno posizioni di vertice all'interno dell'organizzazione mafiosa riescano a comunicare con l'esterno tramite pizzini e forme criptiche di linguaggio, come, anche dal carcere, riescono a mantenere il controllo. Basta pensare a Toto' Riina, che e' rimasto capo sino all'ultimo giorno".