Rai, Anzaldi: peggior campagna per violazioni pluralismo, ora sanzioni

Pol/Bac

Roma, 27 gen. (askanews) - "Oggi si riunisce il Collegio dell'Agcom. All'ordine del giorno, come si può leggere sul sito ufficiale, ci sono "esposti e segnalazioni di par condicio". Oggi è anche previsto l'incontro tra il ministro dell'Economia Gualtieri e l'amministratore delegato della Rai Salini. Quella che si è appena conclusa è stata una delle campagne elettorali peggiori degli ultimi tempi per violazioni del pluralismo, in particolare sulle reti Rai, con una quantità imbarazzante di episodi, per questo mi auguro che arrivino finalmente sanzioni dure e spero che la Rai faccia pagare i danni ai diretti responsabili e non ai cittadini che pagano il canone. Ho presentato due esposti all'Authority sull'enorme spazio dato a Salvini al Tg2, a Porta a porta e a Cartabianca". E' quanto scrive su facebook il deputato di Italia Viva e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi, che pubblica una lista delle denunce pubbliche che ha presentato in queste settimane.

"Al Tg2 abbiamo assistito - prosegue Anzaldi - alla copertura della campagna elettorale di Salvini in Emilia Romagna con inviata al seguito con toni da Cinegiornale Luce e uno spazio che non ha avuto paragoni con nessun altro candidato. Quasi ogni sera, in particolare il 13, 14, 15 e 17 gennaio, sono stati mandati in onda servizi e dichiarazioni elettorali del leader della Lega su Emilia Romagna e Calabria, nessun bilanciamento è stato dato a Bonaccini e Callipo. Al Tg2 accanto ai servizi propagandistici, ci sono state le censure, come la citofonata di Salvini alla famiglia tunisina, omessa nell'edizione delle 13 del 22 gennaio, o i seggi aperti domenica 26, notizia liquidata al Tg2 delle 13 in pochi secondi mentre per tutti gli altri tg era l'apertura. A Porta a porta c'è stato l'episodio dello spot di Salvini durante l'intervallo di Juve-Roma, favoritismo riconosciuto dallo stesso conduttore Bruno Vespa. A Cartabianca la Lega ha avuto il privilegio, unico partito, di vedere ospitata la propria candidata Borgonzoni e il leader Salvini nelle ultime due puntate prima del voto".