Rai, Anzaldi: per tg Renzi e Italia viva non fanno notizia

Pol-Afe

Roma, 7 ott. (askanews) - "Per i telegiornali Rai Italia Viva non fa notizia, Matteo Renzi non fa notizia, il nuovo movimento ha avuto solo il 2% degli spazi di parola nei tg nella prima settimana di rilevazione, ma se c'è la condanna (in primo grado) dei genitori di Renzi allora la notizia non solo merita un intero servizio, ma finisce addirittura nei titoli del Tg3, lo stesso che ha dedicato a Italia Viva lo 0,4%, una manciata di secondi in un'intera settimana. Questo è servizio pubblico? I cittadini pagano per questa informazione?". Lo scrive su facebook il deputato di Italia Viva e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi.

"La Rai è stata l'unica a dedicare - prosegue Anzaldi - servizi in tutti i tg (Tg1, Tg2, Tg3) alla condanna in primo grado dei genitori di Renzi. Non lo hanno fatto né i tg Mediaset Tg4, Tg5 e Studio Aperto, né il Tg la7 di Enrico Mentana: hanno dato la notizia da studio, riferendo i termini della condanna. I Tg Rai, invece, hanno mostrato perfino la lettura della sentenza da parte del magistrato, quasi si trattasse di pericolosi criminali. L'Ordine dei giornalisti dirà qualcosa contro questa barbarie? I Tg Rai sono gli stessi che alcuni mesi fa hanno registrato e mandato in onda le immagini secretate degli interrogatori dei genitori di Renzi: un'invasione della privacy e della dignità di due indagati (peraltro privati cittadini senza alcun incarico pubblico) che non ha precedenti, una violazione della deontologia professionale che l'Ordine dei Giornalisti ha addirittura giustificato invece di sanzionare".