Rai, Borioni: "Salini non sa gestire Azienda"

webinfo@adnkronos.com

"La Rai, la più grande azienda culturale del Paese, continua a essere mal gestita, perde pubblico e soprattutto autorevolezza. La responsabilità di tutto ciò è principalmente del suo amministratore delegato, Fabrizio Salini. Anche in questa tornata di nomine, che ci ha fatto attendere per mesi e che ha più volte rimandato in extremis, ha deciso di non affrontare il problema più urgente, quello del pluralismo informativo dei Tg, di fatto in mano a Lega e 5Stelle. Il mio giudizio resta quindi nettamente negativo. Quindi in Cda non ho sostenuto con il mio voto le nomine proposte da Salini per i modi, i contenuti, i percorsi di scelta, la mancanza di trasparenza, l’assenza totale di interlocuzione con l'amministratore delegato, la fumosità nelle procedure, i pasticci incomprensibili". Lo dichiara la consigliera Rai Rita Borioni mentre il consiglio di amministrazione ha all'ordine del giorno, tra le altre cose, le nomine di reti e testate. 

"Solo per il profondo rispetto, professionale e umano, che nutro nei confronti di alcuni dei nomi proposti - spiega Borioni - mi sono astenuta. L'ho fatto in blocco, perché considero inopportuno votare nome per nome in una logica da tifoserie stile Miss Italia. Avrei voluto che si evitasse almeno questo. Ma voglio che sia chiaro che la mia astensione non è un atto di indulgenza rispetto ad un governo dell'azienda che ritengo gravemente deficitario sotto ogni punto di vista".