Rai Cinema rilancia: in 2 anni 135 film, da Diabolik a Polanski

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 apr. (askanews) - Dopo un anno drammatico per il cinema italiano Rai Cinema rilancia e per il biennio 2021-22 annuncia 135 nuovi film, per un investimento di più di 150 milioni di euro, con 60 opere prime. Tra le nuove produzioni ci sono i film di autori come Roman Polanski con "The Palace", Pupi Avati, Mario Martone, Michele Placido, Nanni Moretti, Paolo Taviani, Sergio Castellitto e le opere di più di 40 registe donne, tra cui Francesca Archibugi, Susanna Nicchiarelli, Ginevra Elkann, con il debutto dietro la macchina da presa di Jasmine Trinca e Claudia Gerini. Le date di uscita sicure per ora sono quattro: "Il cattivo poeta" il 20 maggio, "Freaks Out" di Gabriele Mainetti il 28 ottobre, il primo "Diabolik" il 16 dicembre, "La befana vien di notte 2" con Monica Bellucci il 30 dicembre.

L'amministratore delegato di Rai Cinema Paolo Del Brocco ha presentato le nuove produzioni sottolineando la necessità di puntare sull'identità italiana e europea, anche per compensare l'offerta globalizzata delle piattaforme. L'obiettivo è di ricostruire il rapporto con il pubblico proprio nelle sale. "Credo che l'elemento vincente del nostro cinema siano le storie forti, dove ci si possa riconoscere, che colpiscano le emozioni. - ha affermato De Brocco - Non sappiamo ancora a cosa andremo incontro ma speriamo in un rimbalzo non solo economico ma anche della voglia delle persone di tornare al cinema". Del Brocco ha evidenziato anche l'importanza del sostegno pubblico al settore, visto che il fondo cinema e audiovisivo nel 2021 arriverà a 640 milioni, sono state varate molte misure per l'aumento del tax credit e più di 125 milioni per il fondo d'emergenza del settore.

Nella vastissima offerta di Rai Cinema figurano tanti film su personaggi storici come "Dante" di Pupi Avati con Sergio Castellitto, "Qui rido io" di Mario Martone su Edoardo Scarpetta interpretato da Toni Servillo, il film di Sergio Rubini "I fratelli De Filippo", "L'ombra di Caravaggio" di Michele Placido con Riccardo Scamarcio, e "Resilient" di Roberto Faenza sul premio Nobel Mario Capecchi. Tra i film tratti da opere letterarie vedremo "Tre piani" di Nanni Moretti, "Il colibrì" di Francesca Archibugi, "Leonora addio" di Paolo Taviani, "Il sergente della neve" di Matteo Rovere, "Il ritorno di Casanova" di Gabriele Salvatores, "Il volo" di Pietro Marcello, "L'uomo dal fiore in bocca" di Gabriel Lavia, mentre è ispirato alla pièce teatrale di Trevor Griffiths "Comedians" di Gabriele Salvatores e Pietro Marcello sta preparando i suoi "Promessi sposi".

Tra i film di Rai Cinema che raccontano personaggi e vicende della nostra storia figurano "Stranizza d'amuri", prima regia di Beppe Fiorello, "La conversione" di Marco Bellocchio e "Il signore delle formiche" di Gianni Amelio. Tra i film per il grande pubblico ci sono "Il sesso degli angeli" di Leonardo Pieraccioni con Sabrina Ferilli, "Bla Bla baby" di Fausto Brizzi, "Finché c'è cinema c'è speranza" di Massimiliano Bruno. Saranno caratterizzati da storie di sentimenti "Il materiale emotivo" di Sergio Castellitto, "Te l'avevo detto" di Ginevra Elkann, "Marilyn ha gli occhi neri" di Simone Godano, con Stefano Accorsi e Miriam Leone.