Rai, Lacarra (Pd): grave spreco denaro, intervenga Corte Conti

Rea

Roma, 19 lug. (askanews) - "La Rai è un'azienda in stato confusionale. Stiamo presentando un'interrogazione parlamentare sul caso dei 191 giornalisti risultati idonei al concorso Rai del 2015, sui quali già due anni fa intervenimmo in Parlamento con successo. Oggi anche il Tar Lazio dà loro ragione. C'è un evidente sperpero di risorse pubbliche che si fa ogni giorno sempre più grave non facendo scorrere quella graduatoria, ma assumendo con meccanismi opachi". Così in una nota Marco Lacarra, deputato Pd e segretario regionale pugliese del partito.

"Pper non parlare in tema di sperpero di denaro pubblico, del caso denunciato da Antonella Clerici, pagata dalla Rai senza lavorare a causa di una vergognosa scelta della Direttrice di Rai Uno, De Santis. Sarà inevitabile chiedere alla Corte dei Conti una verifica seria dell'utilizzo delle risorse pubbliche in Rai. Non abbiamo fatto la riforma del canone per consentire ai dirigenti di Viale Mazzini, a partire da chi si occupa di informazione giornalistica e della direzione di Rai Uno di sprecarle", ha concluso.