Rai, mal di pancia M5S per accordo su Cda

·1 minuto per la lettura

Mugugni in casa M5S, mentre il Parlamento si appresta a votare i componenti del Cda Rai. 5 Stelle, Pd e Leu hanno raggiunto l'accordo su due nomi: Alessandro Di Majo - indicato dal Movimento - sarà votato al Senato, mentre alla Camera le tre forze politiche voteranno per Francesca Bria, indicata dai dem. Sull'intesa si addensano però i malumori di alcuni membri grillini della Commissione di Vigilanza, che puntavano su Antonio Palma: "La Commissione di Vigilanza Rai aveva ricevuto mandato per esaminare i profili più consoni per quanto riguarda i nuovi componenti del Consiglio di amministrazione, un lavoro di approfondimento durato mesi stracciato senza spiegazioni", si sfoga un parlamentare M5S con l'Adnkronos.

"Ci saremmo aspettati metodi di selezione e nomi migliori per il rinnovo del cda Rai" dice il presidente dei senatori di Italia Viva, Davide Faraone, spiegando che "Iv lascia libertà di non votare o di votare scheda bianca".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli