Rai: Sala, 'spero non si faccia condizionare da politica e vada avanti con progetto Milano'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 3 giu.(Adnkronos) – "La Rai non è un ente benefico, né una associazione culturale. E non è accettabile che la politica molto spesso alzi la mano per lamentarsi di come funziona, ma quando ne pensa una che ha i caratteri dell'efficienza, con un progetto chiaro, che tra l'altro riguarda Milano, si oppone". Così il sindaco di Milano, Giuseppe sala, in un video pubblicato su Facebook. "Spero-aggiunge- che la Rai non si faccia condizionare da questa illogica presa di posizione di una parte della politica e vada avanti con questo progetto. Per il bene di Milano, certamente, ma soprattutto per il suo bene".

Ripercorrendo la vicenda, Sala spiega che "la Rai a Milano sta cercando di razionalizzare la sua presenza da tanti anni". Perché "oggi è in Corso Sempione, ma soprattutto i centri di produzione sono in via Mecenate in ex fabbricati industriali, in affitto, in una location che, vi garantisco, non è molto efficiente. A un certo punto si palesa la possibilità di trasferire il tutto al Portello, in una realtà che permetterebbe di ridurre i costi, ma soprattutto di avere centri di produzione molto più efficienti. Il cda della Rai ne discute per anni, alla fine, molto recentemente, approva il progetto e dà il via al percorso realizzativo. Apriti cielo nella politica romana! Destra, centro, sinistra, ovunque, a difesa della Rai a Roma, dell'audiovisivo romano, quasi ci fosse anche una sorta di affinità elettiva tra la Rai e Roma".

"A prescindere dal fatto che l'audiovisivo milanese è molto forte -sottolinea Sala- la Rai è una azienda con finalità pubbliche che compete con Mediaset, La7, Sky, Netflix e altri ancora. E in quanto azienda deve cercare, sempre, l'efficienza. Questo -conclude- è il punto".