Rai3 rinvia 'Hammamet', Bobo Craxi attacca

·1 minuto per la lettura

Rai3 rinvia la messa in onda del film Hammamet, con Pierfrancesco Favino nel ruolo di Bettino Craxi, e nasce il caso. "A proposito della messa in onda del film 'Hammamet', originariamente prevista venerdì scorso, Rai3 informa che nell’ambito di una normale attività di modulazione del palinsesto l’opera di Gianni Amelio verrà trasmessa il 26 novembre", dice Rai3 in una nota.

"Qual è il nesso fra la messa in onda di un film che romanza una vicenda storica di un uomo di Stato che hanno già visto oltre un milione di italiani e la candidatura di un suo discendente? Mi sfugge. Rai3 ha operato una imbarazzante censura", scrive in una serie di tweet Bobo Craxi, che si scaglia contro la decisione di Rai3 di posticipare al 26 novembre la proiezione di 'Hammamet'. Il figlio dell'ex leader socialista se la prende anche con il direttore della rete Franco Di Mare: "Il direttore di Rai 3, grillino, pensa di essere il direttore dell’Eiar", scrivo Craxi. E ancora: "Lei sa che la censura è una prassi da regime sovietico e franchista?".

"Non conosco le motivazioni precise che hanno spinto la Rai ad annullare la proiezione di questo bellissimo film, ma sono assolutamente certa che la Rai, che è coproduttrice del film, avrà interesse a riprogrammarlo quanto prima", dice Stefania Craxi. "Se mi è dispiaciuto non vederlo in tv ieri? Io l'ho visto al cinema", aggiunge laconicamente la Craxi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli