Rampelli (Fdi): Conte delegittimato in Europa da Atlantia

Gal

Roma, 18 giu. (askanews) - "Con la lettera al vice presidente della Commissione europea Dombrovskis, Atlantia getta definitivamente la maschera confermando che il suo unico interesse mantenere la concessione delle autostrade italiane. Un chiaro intento per evitare la revoca, che si sarebbe dovuta concretizzare il giorno dopo l'immane tragedia del crollo di Ponte Morandi. Il dolore procurato alle famiglie delle vittime, gli enormi disagi arrecati alla citt di Genova e alla Liguria, il catastrofico danno d'immagine su scala internazionale inflitto all'Italia avrebbero dovuto suggerire un'azione repentina e risolutiva che non c' stata con il Governo Conte 1 e tarda anche nella nuova edizione. La notizia riportata dal 'Financial Times', delegittima ulteriormente un governo gi screditato e certifica il fallimento dei suoi ministri nella trattativa in corso. In gioco non ci sono i miliardi di Atlantia - che per anni ha incassato i proventi dei pedaggi e degli affitti per subconcessioni di spazi su un bene costruito dallo Stato - ma quelli dei cittadini italiani visto che la rete stata costruita con i loro soldi. Peraltro, a parte il ponte Morandi e la condizione di degrado e rischio in cui versano decine di infrastrutture, dimostrano che la mancata manutenzione dei tratti in concessione non stata una distrazione ma una precisa scelta gestionale tesa a incrementare i profitti, sulla pelle degli italiani. Basta tentennamenti, il governo decida". E' quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.