Colpo in un bar a Roma. Ferito il titolare, morto uno dei rapinatori. Aveva 69 anni

Rapina con colpi di pistola in un bar di viale Antonio Ciamarra, in zona Romanina. A perdere la vita uno dei due rapinatori che si sono introdotti nell'attività commerciale. Ferito il titolare del bar. Sul posto i poliziotti del commissariato Romanina che hanno arrestato i due rapinatori. Sul posto anche il 118.

Secondo quanto si apprende, il titolare del locale, un cinese, avrebbe avuto una colluttazione con i due rapinatori e sarebbero partiti almeno due colpi d'arma da fuoco: uno ha ucciso il rapinatore, mentre l'altro avrebbe preso il cinese a una gamba. Il ferito è stato trasferito al policlinico Umberto I, Mentre l'altro rapinatore è stato arrestato. 

Il rapinatore ucciso aveva 69 anni. Il suo complice, arrestato, di anni ne ha 58, anch'egli italiano. Da una prima ricostruzione, i due rapinatori sarebbero entrati entrambi armati poco dopo le 19 nell'esercizio commerciale il cui titolare è un cinese di 56 anni, che avrebbe reagito. Da lì sarebbe nata una colluttazione nella quale sarebbero partiti almeno due colpi di pistola, uno dei quali ha ucciso il rapinatore 69enne. Ferito ad un fianco e a una gamba il titolare del locale, soccorso e trasportato in codice rosso al Policlinico Umberto I. È stato operato per rimuovere il proiettile, ma non è in pericolo di vita. 

"Una sparatoria assurda, conoscevo il titolare del bar ed era una bravissima persona. Conosco la storia di questo locale che è storico in questa zona". Lo ha detto all'Agi Matteo, 20 anni, commentando la rapina avvenuta questa sera poco dopo le 19 nel bar tabacchi "Caffè Europeo" di viale Antonio Ciamarra 186, alla Romanina, nella Capitale. "È un posto problematico, mi hanno recentemente aperto la macchina e accadono rapine tutti i giorni: sono stati rapinati l'Eurospin e un fast-food di zona proprio qualche giorno fa". 

Si chiama Enrico Antonelli e ha precedenti per spaccio di droga e ricettazione il 58enne arrestato. Antonelli, secondo quanto si apprende, sarebbe stato sottoposto in passato anche alla sorveglianza speciale e agli arresti domiciliari.