Rapina Roma, figlia del tabaccaio: "Papà coraggiosissimo"

webinfo@adnkronos.com

di Silvia Mancinelli"Ho assistito in diretta alla rapina dagli schermi che riproducono i filmati delle telecamere di videosorveglianza. Ero nell’ufficio, mio padre era in tabaccheria al piano di sopra. Mi sono insospettita quando ho visto entrare due uomini con il casco, uno di questi ha iniziato a picchiare papà e mi sono precipitata su. Una volta arrivata erano già partiti i colpi e uno dei due rapinatori era a terra, così come papà ferito".  

A parlare all’Adnkronos è Anna Zhou, figlia di Chaokang, il tabaccaio 56enne ferito da un proiettile esploso ieri sera da un rapinatore morto durante la colluttazione, forse per mano del suo stesso complice 58enne con cui aveva tentato il colpo nella tabaccheria in via Antonio Ciamarra, in zona Romanina. 

Gli agenti della Squadra mobile impegnati nelle indagini non si sbilanciano, ma non è escluso che a uccidere il 69enne Ennio Proietti sia stato un proiettile destinato al commerciante e partito dalla stessa pistola dei rapinatori. "Mio padre è stato coraggiosissimo - dice ancora Anna - non ha sparato a nessuno, i rapinatori hanno fatto tutto da soli. Sta benissimo papà, sta benissimo - ripete quasi incredula - sto andando di corsa a prendergli un pigiama, le sue cose, in attesa che gli diano una stanza".