Rapito l'unico superstite della strage del Mottarone

·2 minuto per la lettura
Strage Mottarone rapimento Eitan
Strage Mottarone rapimento Eitan

Non c’è pace per il piccolo Eitan Biran, il bambino di 6 anni unico sopravvissuto nella strage della Funivia del Mottarone. Eitan, da mesi nel bel mezzo di una battaglia per la sua custodia legale, sarebbe stato rapito dal nonno. A darne notizia è l’emittente israeliana N12.

Strage Mottarone rapimento Eitan, il piccolo viveva i zii paterni

La sorte del piccolo Eitan preoccupò in quei giorni di maggio l’Italia intera. Il bambino di soli sei anni che ha perso nella strage tutta la sua famiglia, i genitori e il suo fratellino, a seguito del lungo ricovero all’ospedale Regina Margherita di Torino, è stato affidato alla zia paterna Aya Biran che con il marito e le due figlie vive a Travacò. Tre mesi dopo l’incidente il ramo materno della famiglia di Eitan ha chiesto che ne venisse affidata la custodia. Da lì il bambino, suo malgrado, è stato coinvolto in una lotta senza fine per la sua custodia che sarebbe culminata con il rapimento del nonno materno.

Strage Mottarone rapimento Eitan, il rapimento

Stando a quanto riferito da un amico di famiglia al canale N12, il nonno si sarebbe recato all’abitazione del bambino nella mattinata di sabato 11 settembre per una visita organizzata in anticipo. Alle 18.30 Eitan sarebbe dovuto rientrare a casa come concordato precedentemente. Ciò purtroppo non è avvenuto. C’è di più. La testata estera “Times of Israel” afferma che la zia ha tentato diverse volte di rintracciare il nonno materno, tuttavia con scarsi risultati, fino a quando non ha ricevuto il seguente messaggio: “Eitan è tornato a casa”, poi il nulla.

Strage Mottarone rapimento Eitan, la zia ha sporto denuncia alla Polizia Italiana

Nel frattempo la zia di Eitan ha sporto denuncia di rapimento alla Polizia Italiana. A darne notizia è stata la televisione Isreaeliana Kan. A commentare l’avvenuta scomparsa del piccolo è Eitan è stato anche il legale di Aya Biran, Armando Simbari che ad ANSA ha affermato: “Siamo sconvolti e increduli, non potevamo immaginare si arrivasse a tanto”. Intanto l’ambasciata israeliana avrebbe dato reso noto che il piccolo Eitan sarebbe stato portato in Israele.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli