Rapporto Amnesty: Perù volta le spalle a venezuelani in fuga -2-

Red/Mos

Roma, 4 feb. (askanews) - Dal giugno del 2019, il Perù ha introdotto una serie di misure con il deliberato scopo di limitare gli ingressi nel paese. Il nuovo "visto umanitario" è stato reso di fatto obsoleto solo alcune settimane dopo la sua introduzione perché in mancanza dei timbri di ingresso e uscita dall'Ecuador ai venezuelani non è consentito l'ingresso in Perù, anche se in possesso di un visto.

Amnesty International ha parlato con molti venezuelani bloccati alla frontiera per il rifiuto della richiesta di asilo o del visto umanitario. Un uomo ha dichiarato di aver lasciato il Venezuela nell'ottobre 2019 perché non era più in grado di mantenere la sua famiglia. Nonostante avesse un visto umanitario peruviano valido sul passaporto, i funzionari peruviani non gli hanno consentito l'ingresso. Fermo in un limbo alla frontiera, ha raccontato in lacrime di essersi indebitato e di aver lasciato la famiglia con l'intenzione di riunirsi successivamente in Perù. (Segue)