The Rasmus, che fine hanno fatto dopo il successo di “In The Shadows”

The Rasmus
The Rasmus

Gruppo musicale rock alternativo finlandese, i The Rasmus hanno rappresentato il loro paese sul palco dell’Eurovision 2022: molto noti in Italia all’inizio degli anni Duemila, che fine hanno fatto e quali sono stati i loro ultimi progetti prima del contest musicale europeo?

The Rasmus: chi sono

Formatasi alla fine del 1994, la band è attualmente composta da Pauli Rantasalmi, Aki Hakala, Lauri Ylönen ed Eero Heinonen. Nel corso della sua carriera ha venduto più di 5,5 milioni di copie e ottenuto cinque dischi di platino e dieci d’oro grazie ai suoi successi scritti per la maggior parte in lingua inglese (ma non sono mancati componimenti in finlandese, tra i quali Rakkauslaulu).

In Italia era molto conosciuta nei primi anni Duemila per In The Shadows, singolo estratto dal disco Dead Letters che regalò al gruppo la popolarità internazionale. Entrato nella Top 3 delle classifiche inglesi e nella Top 50 delle classifiche australiane nel 2004, il brano ha ricevuto in totale sei dischi d’oro e due di platino.

The Rasmus: che fine hanno fatto

Un successo che nel nostro paese si era tradotto in concerti e ospitate tv naufragato però in breve tempo, tanto che in molti si erano chiesti che fine avesse fatto il gruppo. In realtà i The Rasmus hanno sempre continuato a fare musica e pubblicare album: dopo Hide from the Sun uscito nel 2005, è stata la volta di Black Roses (2008), The Rasmus (2012) e Dark Matters (2017).

Se dall’ultimo disco sembravano spariti dalle scene, nel 2021 sono tornati a pubblicare un singolo inedito intitolato Bones e ad annunciare una tournée europea per il 2022 (terranno anche un concerto in Italia ad ottobre). Intanto, la canzone di maggior successo In the shadows ha superato quota 100 milioni di streams a livello mondiale su Spotify.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli