Ratifica accordo col Qatar, il deputato di Fdi attacca Laura Boldrini

Fdi Boldrini

“Fratelli d’Italia unico partito contro l’accordo di sottomissione con il Qatar. Qualcuno non si sottomette, qualcuno combatte, qualcuno difende la nostra identità” scrive su Facebook il deputato Andrea Delmastro Delle Vedove. All’esame di Montecitorio infatti la ratifica dell’accordo culturale tra Italia e Qatar ma per difendere le ragioni del voto contrario di FdI, Delmastro tira fuori un episodio del passato.

Fdi contro Laura Boldrini

“Vogliamo dirvi che non vi crediamo quando ci venite a dire che questi sono strumenti di pressione per la crescita culturale del Qatar, perché fatico a credere ciò in quella nazione che ha un Presidente del Consiglio che recentemente ha fondato un partito per tornare ad essere il padrone dell’Italia, pur non avendo un solo voto in tasca” tuona l’esponente di Fratelli d’Italia, riferendosi ad Italia Viva di Matteo Renzi.

E ancora: “(In quella nazione, ndr) che, quando viene il Presidente iraniano in Italia, oscura i nudi capitolini perché confonde l’ospitalità con la sottomissione o il rispetto dell’ospite con la prostituzione culturale”. Poi Andrea Delmastro lancia un affondo che suscitato proteste in Aula.

Bagarre in Aula

“Oppure viviamo, per fare un altro esempio, in quel Paese dove un ex Presidente della Camera trova normale, per rispetto, andare in moschea a Roma con il velo, ma, quando va dal Santo Padre, mette ai piedi qualcosa che è poco di più di una sciatta ciabatta”. Dal gruppo Partito Democratico si levono voci di dissenso.

“Sì mi riferisco proprio alla Boldrini, che va in ciabatte dal Santo Padre e si mette il velo quando va in moschea” chiosa quindi il deputato. Laura Boldrini infatti è appena passata al PD. La protesta non si placa subito, con il democratico Filippo Sensi che protesta impedendo a Delmastro di proseguire mentre quest’ultimo si rivolge al dem apostrofandolo con frasi tipo: “Sottomesso, sei un sottomesso”. Alla fine Il presidente della Camera ha riportato l’ordine e la seduta è potuta proseguire.