Ratificata intesa Lombardia-Ticino su mobilità transfrontalieria

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 ott. (askanews) - Il Consiglio regionale della Lombardia ha ratificato l'intesa sulla mobilità transfrontaliera siglata dalla Regione e dal Canton Ticino che avrà così validità fino al 2025. È quanto è previsto nella legge approvata oggi all'unanimità dall'assemblea e che approfondisce i numerosi aspetti economici in fatto di sviluppo delle infrastrutture e delle reti del trasporto su rotaia e su gomma. L'accordo, che interessa tutta la regione dell'Insubria con progetti a breve, medio e lungo termine, si basa sul principio di territorialità, con Regione e Cantone che pagano la parte di servizio che si svolge sul proprio territorio. È tuttavia stabilito che fa eccezione la tratta da Varese a Malpensa in ragione dell'interesse della Svizzera al collegamento con l'aeroporto (con frequenza recentemente portata a un treno ogni ora). Anziché essere pagato integralmente dalla Lombardia questo servizio è infatti cofinanziato al 50 % da parte del Cantone, che versa perciò ogni anno 3,4 milioni di euro a Regione.

"Con questa ratifica - ha scritto in una nota la vice presidente Francesca Brianza (Lega), relatrice del provvedimento - la collaborazione tra Canton Ticino e Lombardia si rafforza ulteriormente proseguendo un percorso che ha portato negli ultimi anni a migliorare notevolmente la dotazione infrastrutturale e i collegamenti. Si tratta ora di rilanciare progettualità e realizzazioni, solo in piccola parte frenate dal periodo pandemico. In particolare obiettivo dei prossimi anni sarà quello di incrementare l'intermodalità tra le reti e coordinare i servizi tra loro. Sottolineo inoltre che l'intesa prevede l'entrata in servizio di otto nuovi treni nel 2021 in aggiunta a quello già entrato in servizio alla fine del 2020".

La nuova ferrovia Mendrisio-Varese, il collegamento con Malpensa, lo sviluppo del valico di Chiasso e l'attivazione della galleria di base del Monte Ceneri sono i più recenti risultati di una politica di intese iniziata diversi anni fa e che viene seguita da un apposito Tavolo di Coordinamento. L'intesa 2021-2025, che riguarda anche i valichi stradali, i parcheggi di interscambio e i pontili di navigazione, gli investimenti per la valorizzazione del patrimonio ferroviario storico e per il turismo, è già stata firmata dal Presidente di Regione Lombardia e dal Cancelliere del Consiglio di Stato del Canton Ticino.

Nel dibattito sono intervenuti Raffaele Erba (M5S) e Angelo Orsenigo (PD) che hanno sottolineato come questo accordo vada nella direzione della promozione della sostenibilità ambientale. In particolare Orsenigo ha presentato un ordine del giorno, anch'esso approvato dall'Assemblea lombarda, che invita la Giunta a riconoscere "la validità di specifici titoli di viaggio lombardi come 'Io Viaggio' per effettuare attraverso il territorio svizzero gli spostamenti ferroviari Como-Varese" e a realizzare "titoli di trasporto validi sia su ferrovia che sulla rete TPL del bacino Varese-Como-Lecco. L'assessore alle Infrastrutture trasporti e mobilità sostenibile Claudia Terzi (Lega) ha ringraziato per il lavoro fatto. "Auspico che ci sia sempre maggiore attenzione sul tema della mobilità transfrontaliera" ha affermato Fabio Pizzul (PD). Elogi all'intesa è arrivato anche dal Consigliere della Lega Roberto Mura.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli