Rave clandestino a Maleo, il Paese in allarme per focolaio variante Delta

·3 minuto per la lettura

Nonostante il sospetto di un focolaio Covid di variante Delta, "un migliaio" di giovani si sono dati appuntamento a Maleo, comune tra il Lodigiano e il Cremonese, dove nel corso della settimana si sono verificati i contagi. Il rave party, non autorizzato, è iniziato sabato sera in un'ex cava dismessa della zona vicina a Codogno, città simbolo della prima ondata della pandemia, ed è ancora in corso: "I ragazzi si stanno allontanando alla spicciolata", fanno sapere i carabinieri che insieme alla polizia presidiano l'area per evitare possibili incidenti. "Quando si potrà intervenire in sicurezza cercheremo di identificare gli organizzatori di questo evento" che non ha rispettato le norme anti Covid.

IL REATO DI OCCUPAZIONE ABUSIVA - Occupazione abusiva di terreni aggravata. E questo il reato, secondo quanto apprende l’Adnkronos, che la procura di Lodi è pronta a contestare agli organizzatori - in corso di identificazione - del rave clandestino di sabato sera in un’ex cava abbandonata, di proprietà privata, a Maleo nel lodigiano, comune dove si registra la presenza di alcuni contagiati con la variante Delta.

In violazione delle norme anti Covid - senza mascherine e senza distanziamento - un migliaio di giovanissimi hanno preso parte all’evento non autorizzato che si è volto a pochi chilometri da Codogno, città simbolo della prima ondata di pandemia in Italia. Una volta identificati tutti gli organizzatori, la procura guidata da Domenico Chiaro provvederà all’apertura del fascicolo contro di loro.

IL SINDACO

"Fa molto male vedere tantissime persone, almeno 700, tutti giovanissimi fregarsene delle normative covid e stare senza mascherina con un rischio contagi molto forte. Fa male perché abbiamo fatto tanti sacrifici e ho pensato ai tanti morti per coronavirus", afferma il sindaco di Maleo (Lodi) Dante Sguazzi all'Adnkronos.

Una festa quando l'emergenza è ben lontana da finire. "A contagi siamo messi male: siamo in controtendenza rispetto al trend provinciale e nazionale. Abbiamo un focolaio di 11 positivi tre dei quali del ceppo Delta, si tratta di due nuclei familiari allargati e l'ipotesi dei sanitari è che lo siano anche gli altri contagiati". L'auspicio è "che non si ripeta più" e che dal rave non si crei un nuovo focolaio.

"Sono stato sul posto fino alle 5.30: stanotte la situazione era bella movimentata con almeno 700 persone che sono arrivate in macchina o camminavano lungo le strade dopo essere scese dal treno a Codogno. Poco prima delle 14 ho sentito i carabinieri e ora è tutto abbastanza tranquillo con i ragazzi che stanno defluendo", racconta il primo cittadino che ha incrociato "tanti giovanissimi, gente mai vista, con accenti lombardi diversi che non sapevano neanche in che comune fossero".

L'area in cui è stato organizzato clandestinamente il rave è "privata, è un'ex cava dismessa, una zona recitata ma hanno divelto il cancello. Ho visto ragazzi alterati da alcol e stupefacenti che voleva evadere e sballarsi, alle 5 continuava ad arrivare gente. Ora a noi resta l'immondizia da raccogliere in zona e la preoccupazione di nuovi contagi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli