Rave party abusivo organizzato su telegram

·1 minuto per la lettura
rave party
rave party

In migliaia sono giunti in’area industriale nei dintorni di Torino per un rave party organizzato su Telegram: tempestivo l’intervento dei carabinieri per bloccare gli arrivi.

Torino, rave party organizzato su telegram

Telegram è la chat di messaggistica utilizzata per organizzare rave party: proprio su quest’app, da giorni, circolavano messaggi su luogo e data di un nuovo festino abusivo. In migliaia hanno letto il messaggio e sono arrivati nella serata di sabato 30 ottobre in un’area industriale abbandonata tra Borgaretto e Nichelino, nel torinese. Da ore il rave va ancora avanti, ma il tempestivo intervento delle forze dell’ordine ha evitato l’arrivo di nuovi partecipanti.

Rave party a Torino, arrivati in migliaia

Sul posto, un’area abbandonata alle porte di Torino, è intervenuto anche il neo prefetto della città Raffaele Ruberto. Il dispiegamento di pattuglie delle forze dell’ordine è stato immediato e ciò è stato molto utile ad evitare l’arrivo di altre migliaia di partecipanti. Con l’aiuto di agenti provenienti anche dalle province limitrofe, i carabinieri hanno impedito l’arrivo di circa 10mila persone che volevano partecipare al rave.

Rave party nel torinese, intervenute le forze dell’ordine

La festa abusiva ancora in corso ha causato non pochi disagi alla circolazione: i carabinieri, in serata, sono stati costretti a bloccare le strade della zona. Attualmente il rave è ancora in corso, ma in molti sono stati convinti dai carabinieri e dagli agenti della polizia ad andarsene.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli