Raz Degan e quella scena finale sull'Isola dei famosi: cosa ha fatto prima di tornare in Italia

L'Isola dei Famosi 2017, Raz Degan spiazza tutti: ecco cosa fa prima di tornare in Italia

Ieri, lunedì 10 aprile, il daytime de L’Isola dei Famosi 2017 è stato dedicato all’addio da parte dei naufraghi a Cayo Cochinos, quella che per due mesi è stata la loro casa. Le reazioni sono state diverse, così come ben differenti negli atteggiamenti e nell’indole sono stati i protagonisti del reality che mercoledì 12 si giocheranno la finalissima.

A colpire maggiormente gli spettatori è stato, neanche a dirlo, Raz Degan che – riconoscente alla Madre Terra – è stato l’ultimo a salire sulla zattera: mentre Nancy, Malena e Eva si sono affrettate a raggiungere la zattera dedicando all’isola della Civiltà un saluto veloce e distratto, poi raggiunte da Simone Susinna, ormai allo stremo delle forze, Raz Degan si è preso il suo tempo e ha continuato a meditare.

Ha lasciato andare i paguri che non servivano più e confidato in un confessionale che di questa esperienza porterà sempre con sé il rumore delle onde e quello del vento e che nessuno dei suoi compagni di avventura ha lasciato nel suo cuore una traccia indelebile.

D’altronde già la decisione, presa qualche giorno fa, di disperdere 1 kg di riso invece che donarlo agli altri era stata motivata dalla convinzione che non doveva essere grato a loro, bensì solo alla terra che lo ha accolto e lo ha sfamato.

Dopo aver reso grazie a Pachimama, il modello eremita si è immerso per l’ultima volta in mare e, assaporando ogni sensazione, ha nuotato fino a raggiungere la zattera e gli altri per far ritorno definitivamente a casa: c’è tempo, però, prima di riabbracciare i propri cari…Manca la finale e poi saranno tutti liberi di tornare alla loro vita di sempre, chi più arricchito interiormente, chi meno. 


 


SCOPERTO IL NUOVO AMORE DI PAOLA BARALE DOPO LA SEPARAZIONE DA RAZ DEGAN

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità