Razzismo, Fiano: solidarietà a Segre, costruire il domani

Fdv

Roma, 26 ott. (askanews) - "Al di la della mia ovvia solidarietà per Liliana #Segre che per me è una persona di famiglia, come una sorella di mio #padre, come la zia che non ho avuto, io non posso smettere di chiedermi; ma esattamente che meccanismi si sviluppano nella testa di 200 persone al giorno che utilizzano una parte del loro tempo per cercare l'account, trovare l'offesa o la minaccia da confezionare e lanciarla verso una sopravvissuta alle camere a gas e i forni crematori di #Auschwitz nel suo novantesimo anno di età? Mentre leggo la notizia guardo il volto di papà, che oggi mi riconosce così così, assopito, canuto e dolce, di 5 anni più grande di Liliana, fratello di Shoah. Avrebbe reagito reprimendo la rabbia, con una telefonata dolcissima a Liliana, duro dentro e dolce fuori, non avrebbe perdonato quegli insulti ma avrebbe ammonito di pensare che comunque il sole sorge sempre il giorno dopo, come si dicevano ad Auschwitz per rimanere vivi. Non sorvolare su nulla, continuare a costruire il domani". Lo scrive su facebook il deputato Pd, Emanuele Fiano.