Razzismo, giovane senegalese aggredito a Palermo -4-

Red/Nav

Roma, 10 feb. (askanews) - "Da una parte un gruppo di adolescenti che aggredisce un uomo per il colore della sua pelle. Dall'altra un capannello di persone che assistono alla scena senza intervenire e muovere un dito. È successo a Palermo lo scorso fine settimana. Un giovane senegalese è stato colpito nell'indifferenza dei passanti. Solo due testimoni hanno allertato le forze dell'ordine, secondo le prime ricostruzioni, per fermare quella prepotenza indegna".

Così scrive in un post su post Facebook la vice ministra dell'Istruzione, Anna Ascani, rispetto al giovane aggredito a Palermo. "Ci sono politici che si affrettano a dire che 'il razzismo nel nostro Paese non esiste'. Quando invece sono loro, per primi, ad alimentarlo con i loro slogan raccapriccianti. Purtroppo invece il razzismo c'è. Come dimostrano i tanti casi che si susseguono in tutto il Paese. Xenofobia che si nutre di ignoranza. E di quella indifferenza che, come ricorda spesso la senatrice Segre, è tanto colpevole quanto la violenza", continua la Ascani.

"È nostro dovere prendere una posizione. E farlo in modo netto. Solo così potremo marcare la differenza. Nel nostro Paese non deve esserci spazio per nessun tipo di discriminazione. Oggi meno che mai!".