Rdc, l'economista Dosi: 'Bestialità collegarlo a politiche del lavoro'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Pisa, 16 set. (Adnkronos/Labitalia) – "Dal rapporto Inps emerge chiaramente che collegare il reddito di cittadinanza con le politiche del lavoro è una bestialità, perché il rdc è un sussidio al reddito che va esteso, ma non ha nulla a che vedere con le misure di incentivo a trovare lavoro". A dirlo l’economista Giovanni Dosi, intervenendo alla presentazione, alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, del XX Rapporto annuale dell’Inps, il documento che illustra l’attività e il ruolo dell’Inps nel sistema di welfare nazionale e nell’attuale contesto socioeconomico del Paese.

"I percettori – spiega – che hanno lavorato che sono occupabili sono un quarto massimo, il rdc è una questione di giustizia sociale di una società inclusiva e una società inclusiva non permette ai propri cittadini e residenti muoiano di fame o vivano di stenti. Andrebbe riformato estendone la platea, aumentando le soglie di reddito oltre e quali non è possibile accedere".

"Il reddito di cittadinanza- sottolinea – va difeso e va separato da politiche del lavoro che hanno a che vedere con le politiche industriali e con i tassi di politica economica".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli