Rdc: Toti, 'cambiare regole, non si possono pagare tasse per chi rifiuta lavoro'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 lug. (Adnkronos) – “I dati dell’occupazione sono davvero incoraggianti. Nel mese di maggio in Liguria i nuovi contratti non sono stati solo superiori a quelli del maggio scorso. Sarebbe facile, dite voi, l’estate scorsa eravamo ancora in pieno Covid. I nuovi contratti di questo maggio sono superiori a quelli del 2019 del 25%, ovvero oltre 5400 posti di lavoro in più. E ovunque io vada, le imprese mi dicono che non trovano camerieri, addetti alle spiagge, stagionali negli alberghi, personale per le cucine e molto altro. La spiegazione è semplice: il reddito di cittadinanza. Molti preferiscono non lavorare neppure 4 o 5 mesi perché perderebbero il sussidio. Non va bene!" Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti.

"Il Paese -aggiunge- è tornato a correre, le persone devono vivere del loro lavoro. Cambiamo subito le regole. Giusto aiutare chi non ha un impiego, ma è ingiusto far pagare con le tasse degli italiani chi lo rifiuta. O peggio chi vorrebbe un contratto in nero per non perdere il reddito di cittadinanza”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli