In realtà il nostro "sistema immunitario psicologico" si è rivelato più robusto del previsto

·1 minuto per la lettura
Illustration of depicting COVID-19 and mental health crisis concept. The man is confused (Photo: Dusan Stankovic via Getty Images)
Illustration of depicting COVID-19 and mental health crisis concept. The man is confused (Photo: Dusan Stankovic via Getty Images)

L’uomo possiede un “sistema immunitario psicologico” che gli consente di affrontare traumi e difficoltà, pandemie comprese. A sostenerlo sono gli esperti di psicologia Lara Aknin, Jamil Zaki ed Elizabeth Dunn che, in un articolo apparso su The Atlantic, spiegano come, dopo una prima fase di grave crisi, il mondo abbia saputo reagire all’impatto esercitato dal Covid-19 sulla salute mentale.

“Un collasso globale del benessere sembrava inevitabile”, scrivono gli scienziati. Eppure, esaminando quasi mille studi condotti su centinaia di migliaia di persone provenienti da quasi 100 paesi, il team guidato dai tre psicologi ha potuto trarre conclusioni incoraggianti.

All’inizio della pandemia, il disagio psicologico generale e i livelli medi di ansia e depressione erano aumentati notevolmente, così come il numero di casi clinici. “Per esempio, sia negli Stati Uniti che in Norvegia, i casi di depressione sono triplicati nel periodo di marzo e aprile 2020 rispetto alla media degli anni precedenti. E in uno studio condotto su più di 50 mila persone nel Regno Unito, il 27% ha mostrato livelli di disagio clinicamente significativi all’inizio della pandemia, rispetto al 19% del periodo pre-pandemico”, si legge sulla testata americana.

L’avvento dell’estate 2020 ha visto una svolta. “I livelli medi di depressione, ansia e angoscia hanno cominciato a diminuire. Alcuni dati hanno persino suggerito che all’inizio dell’estate 2020 il disagio psicologico complessivo fosse tornato quasi ai livelli pre-pandemia”, scrivono gli scienziati condividendo quanto appreso grazie ad un articolo in uscita su Perspective on Psychological Science.

Gli esperti hanno continuando col monitoraggio, tenendo conto di eventuali anomalie. Per esempio, sottolineano, si erano accorti come la maggior parte dei dati provenisse da Paesi ricchi: a quel punto hanno provveduto ad amp...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli