Acqua alta a Venezia, picco di 187 cm: è il secondo più alto dal 1966

Acqua alta Venezia picco marea

Sfiorato il record storico di acqua alta a Venezia. E’ accaduto nella serata del 12 novembre 2019 a seguito di un vertiginoso incremento dei livelli dell’alta marea che hanno addirittura oltrepassato i 160 cm previsti dal Centro Maree del Comune. Per le 23:30 era stato preannunciato il possibile raggiungimento di 190 cm. Il livello record si è poi attestato a 187 cm, il secondo più alto di sempre dal 1966.

Acqua alta: secondo record della storia

La maggior altezza mai registrata è pari a 194 cm, circostanza verificatasi il 4 novembre 1966. Tredici anni dopo, il 22 dicembre 1979, il dato registrato fu di 166 centimetri. A seguire vi sono poi i 158 centimetri dell’1 febbraio 1986, e i 156 del 29 ottobre 2018. Dato il picco raggiunto, il sindaco ha annunciato la richiesta dello stato di calamità. Prevista per mercoledì 13 novembre, una conferenza stampa a Marghera con il governatore regionale Luca Zaia.

Acqua alta a Venezia: picco di marea

Intorno alle 23:50 del 13 novembre il livello dell’alta marea si è attestato intorno ai 148 cm calando drasticamente rispetto ai minuti precedenti, quando sono stati raggiunti i 187 cm. Una crescita repentina dell’acqua alta dovuta al forte vento con raffiche intorno ai 100 km/h, tali da portare all’allagamento dell’82% del centro storico. Alle 22:40, il livello era infatti intorno ai 160 cm. Giuseppe Pan, assessore all’Agricoltura, alla caccia e alla pesca in regione, direttamente dal Consiglio regionale, ha mostrato una foto di Piazza San Marco completamente sommersa. Queste le sue parole: “In Consiglio la maratona del bilancio continua! L’acqua sta velocemente salendo, siamo arrivati a 160 cm e continua a crescere! Avanti tutta!“.

A Punta Salute l’acqua ha in breve tempo raggiunto i 175 cm e il mare è calato velocemente a 109 cm. Dato il peggioramento delle condizioni meteo, il servizio di navigazione era stato sospeso in serata tra Lido S.M.E. e Lido San Niccolò. Alle 23:30, data la situazione, il blocco è stato esteso a tutte le altre linee.

Intanto è intervenuto anche il servizio di raccolta rifiuti, che ha comunicato che l’attività non sarà garantita nella giornata di mercoledì 13 novembre a causa dell’alta marea eccezionale. Per questo ha consigliato di tenere i sacchetti in casa e di non abbandonarli in strada.

Venezia acqua alta

Il sindaco Luigi Brugnaro ha effettuato un sopralluogo in barca insieme alla polizia municipale per controllare l’area tra San Marco e Rialto. Attualmente sta monitorando la situazione insieme alle forze dell’ordine, all’Assessore d’Este e al prefetto Zappalorto. Tutti si stanno mobilitando per gestire l’emergenza. Stando a quanto riportato dal CPSM della città, il vento sarebbe quasi doppio di quello previsto.

Il Comune stesso, raccomandando la massima cautela, ha confermato che dopo l’episodio del 1994 si tratta del secondo livello raggiunto nella storia.

Data l’allerta, nella giornata del 12 novembre nidi e scuole d’infanzia sono rimasti chiusi a Venezia e nelle isole della Laguna. L’amministrazione non ha invece disposto la chiusura degli istituti di Lido, Pellestrina e della terraferma. La situazione sarà la medesima anche per il 13 novembre 2019, coma da ordinanza della Prefettura di Venezia, sia nel centro storico che nelle isole. La preoccupazione rimarrà infatti alta, con una previsione di 150 cm per le 10:25, di 155 cm per le 13:10, di 130 per le 14:10 e di 140 per le 15:10.

Le previsioni fino al 15 novembre

Il Centro Previsioni e Segnalazioni Maree ha reso noto che anche nei prossimi giorni i livelli dell’acqua si terranno su valori eccezionali. Nella giornata di mercoledì 13 novembre il picco massimo si verificherà alle 9:50 e ammonterà a 155 cm, considerato di alta marea eccezionale essendo superiore a 140 cm.

Più bassi i livelli invece giovedì 14 novembre, con il livello più alto pari a 130 cm, considerato di marea molto sostenuta e attestato intorno alle 10:50. Nella notte invece, verso le 00:05, l’acqua potrebbe toccare i 120 cm. Si registrano valori in rialzo per il giorno successivo, venerdì 15, i cui picchi massimi sono previsti alle 00:45 di 130 cm e alle 11:20 di 140 cm.

Il CPSM informa inoltre che le linee telefoniche del Centro Maree sono danneggiate e che quindi la segreteria non è raggiungibile.

Acqua alta eccezionale a Venezia dal 2001

Dal 1 gennaio 2001 ad oggi, Venezia è stata protagonista di undici acque alte eccezionali, vale a dire superiori ai 140 cm. Il livello maggiore è stato senza dubbio quello della serata di oggi, martedì 12 novembre 2019, pari a 187 cm.

Seguono poi i 156 cm raggiunti il 29 ottobre del 2018, verificatisi nel contesto di un forte maltempo generale su tutto il suolo nazionale. Nella medesima giornata, alle 20:25, in picco ha toccato i 148 cm. Il valore di 156 cm fu raggiunto anche il 1 dicembre 2008 a causa di una perturbazione che ha causato forti venti sciroccali specie sull’Adriatico settentrionale.

In ordine decrescente si attestano i 149 cm raggiunti l’11 novembre 2012, i 147 del 16 novembre 2002 e i 145 del 25 dicembre 2009. Andando avanti nella scala troviamo i 144 cm registrati in due anni consecutivi, sempre verso la fine di dicembre: trattasi del 23 dicembre 2009 e del 24 dicembre 2010.

Le due punte più basse pari a 143cm sono invece relative agli eventi del’1 novembre 2012 e dell’11 febbraio 2013.

  • Dagospia lancia lo scoop: Belen ha scoperto tradimento dell'ex con una nota conduttrice
    Spettacolo
    notizie.it

    Dagospia lancia lo scoop: Belen ha scoperto tradimento dell'ex con una nota conduttrice

    In base a quanto riportato da Dagospia Belen Rodriguez avrebbe scoperto una "relazione clandestina tra Stefano De Martino e Alessia Marcuzzi"

  • Multa da record, ex consigliere: "Nemmeno con un missile"
    Notizie
    notizie.it

    Multa da record, ex consigliere: "Nemmeno con un missile"

    In base a quanto riportato dal verbale, redatto con i dati di un autovelox, la donna viaggiava a ben 703 km/h con la sua utilitaria.

  • Covid, matematica mostra "morti anomale in Italia"
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Covid, matematica mostra "morti anomale in Italia"

    All’inizio dell’epidemia di Covid-19, in Italia si è verificato un “picco anomalo di decessi” mentre in Iran, mentre Singapore, Sud Corea, Qatar e Australia si sono registrati livelli eccezionalmente bassi.

  • E' morto il bambino di 10 anni rimasto ustionato durante un esperimento di chimica
    Stile di vita
    AGI

    E' morto il bambino di 10 anni rimasto ustionato durante un esperimento di chimica

    AGI - É morto, dopo oltre 1 mese di agonia, il bambino di 10 anni che il 27 maggio scorso si era gravemente ustionato durante un esperimento di chimica compiuto nella sua abitazione a Collegno, nel Torinese.Riccardo, ricoverato nella rianimazione dell'ospedale infantile Regina Margherita, aveva riportato il 60% di ustioni a testa, collo, torace e agli arti. Indagata per omicidio colposo la mamma. Nelle prossime ore il pubblico ministero Laura Longo verificherà un eventuale coinvolgimento della scuola e degli insegnanti. Di certo, l'esperimento di chimica era previsto nell'ambito della didattica a distanza, ma non è ancora chiaro se doveva essere di quel tipo. Il cellulare del piccolo è già stato sequestrato. Le condizioni del bambino erano apparse sin da subito molto gravi per le ustioni e per i rischi di infezione e aveva subito diversi interventi chirurgici.L'esperimento che stava effettuando era creare una serpentina da un miscuglio di bicarbonato, zucchero, sabbia e alcol. La mamma era con lui e lo stava assistendo ma la fiammata è partita all'improvviso.

  • Giorgio Medaglia trovato senza vita nel fiume
    Notizie
    notizie.it

    Giorgio Medaglia trovato senza vita nel fiume

    Il 34enne Giorgio Medaglia è stato ritrovato senza vita nelle acque del fiume Adda.

  • Bennato: "Il futuro mi preoccupa, vivo per mia figlia"
    Spettacolo
    Adnkronos

    Bennato: "Il futuro mi preoccupa, vivo per mia figlia"

    "Ho una figlia adolescente, il futuro mi preoccupa e non posso più permettermi di essere un pazzaglione". Così Edoardo Bennato in un'intervista al 'Corriere della Sera' spiega le ragioni del suo ultimo libro 'Girogirotondo. Codex latitudinis' uscito a giugno per Baldini+Castoldi. "Canto ancora cose provocatorie, sto registrando un album per settembre, ma mi sento responsabile verso una bambina che si affaccia al mondo", dice il cantautore riferendosi alla figlia quindicenne Gaia.  "Dal mio balcone a Napoli, sto guardando Capri, il mare è piatto, non c'è vento, tutto sembra fermo, invece, la Terra sta ruotando su se stessa a 1.700 chilometri all'ora, intorno al Sole a 100mila chilometri e si muove con il sistema solare a un milione di chilometri all'ora. Questo assurdo dovrebbe essere il presupposto per capire la realtà. E leggendo il codice latitudinale della Terra si spiegano poveri e ricchi, buoni e cattivi", precisa Bennato spiegando così il sottotitolo 'Codex latitudinis' del libro. "Racconta l'umanità delle nostre latitudini che ha progredito dovendo aguzzare l'ingegno per adattarsi a climi mutevoli o ostili". Il libro è anche un po' un'autobiografia: "Ho dovuto spiegare come sono arrivato qui. A 13 anni, avevo già girato il mondo su una nave da crociera suonando coi miei fratelli. E ho sempre viaggiato, per capire al di là della retorica. Ho conosciuto Salvador Allende, Fidel Castro, e ho scritto 'Arrivano i buoni': 'Arrivano finalmente e hanno già fatto un elenco dei cattivi da eliminar... Ah Ah'". E adesso come padre dice di seguire "le indicazioni di mamma: sono affettuoso. Ma Gaia ha preso il suo posto e mi dà consigli: sembra che io guidi lei, ma lei guida me".

  • Rapporti intimi in hotel: nuovi contagi in Australia
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Rapporti intimi in hotel: nuovi contagi in Australia

    Trentuno dei nuovi contagi proveniva dallo Stamford Plaza di Melbourne, un hotel dove passavano la quarantena coloro che rientravano da viaggi all'estero.

  • Covid, aumentano i contagi in Svizzera: pronte nuove restrizioni
    Notizie
    notizie.it

    Covid, aumentano i contagi in Svizzera: pronte nuove restrizioni

    In Canton Ticino è stato reintrodotto il divieto di assembramento fino al prossimo 19 luglio, a seguito di due nuovi focolai scoppiati nella zona.

  • Report Covid: Rt Italia sotto 1
    Salute
    Adnkronos

    Report Covid: Rt Italia sotto 1

    "Complessivamente il quadro generale della trasmissione e dell’impatto dell’infezione da Sars-Cov-2 in Italia rimane a bassa criticità con una incidenza cumulativa negli ultimi 14 giorni (dal 15 al 28 giugno) di 4,7 per 100.000 abitanti. A livello nazionale, si osserva una lieve diminuzione nel numero di nuovi casi diagnosticati e notificati al sistema integrato di sorveglianza coordinato dall’Istituto superiore di sanità rispetto alla settimana di monitoraggio precedente, con Rt nazionale inferiore a 1". E' quanto emerge dal report dell'Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute, con i dati del monitoraggio della situazione in Italia nella settimana dal 22 al 28 giugno.  Le stime Rt, si spiega, tendono a fluttuare in alcune Regioni e province autonome in relazione alla comparsa di focolai di trasmissione che vengono successivamente contenuti. Si osservano, pertanto, stime superiori ad 1 in Regioni dove si sono verificati recenti focolai. Persiste l’assenza di segnali di sovraccarico dei servizi assistenziali.  Seppur in diminuzione, in alcune realtà regionali continuano ad essere segnalati numeri di nuovi casi elevati. Questo deve invitare alla cautela - si sottolinea - in quanto denota che in alcune parti del Paese la circolazione di Sars-Cov-2 è ancora rilevante. Nel dettaglio, sono tre le Regioni italiane dove si registra, relativamente alla settimana 22-28 giugno, un Rt superiore a 1: si tratta di Lazio (1.04), Veneto (1.12) ed Emilia Romagna (1.28). Inoltre, la Valle d'Aosta vanta un Rt pari a 0 e la Lombardia è a quota 0,89. E' quanto emerge dal report di monitoraggio Iss-ministero della Salute sull'epidemia di Covid-19 in Italia. "Sebbene le misure di lockdown in Italia abbiano permesso un controllo efficace dell’infezione da Sars-Cov-2, persiste una trasmissione diffusa del virus che, quando si verificano condizioni favorevoli, provoca focolai anche di dimensioni rilevanti" sottolinea il report.  "Il numero di nuovi casi di infezione rimane nel complesso contenuto. Questo avviene grazie alle attività di testing-tracing-tracking che permettono di interrompere potenziali catene di trasmissione sul nascere. La riduzione nei tempi tra l’inizio dei sintomi e la diagnosi/isolamento - si spiega - permette una più tempestiva identificazione e assistenza clinica delle persone che contraggono l’infezione". In Italia c'è un "controllo efficace dell’infezione da Sars-Cov-2, ma va mantenuta alta l’attenzione" raccomanda il report Iss-ministero della Salute.  "Si raccomanda di mantenere elevata l'attenzione e continuare a rafforzare le attività di testing-tracing-tracking in modo da identificare precocemente tutti i potenziali focolai di trasmissione e continuare a controllare l’epidemia. È fondamentale - si legge - mantenere elevata la consapevolezza della popolazione generale sulla fluidità della situazione epidemiologica e sull’importanza di continuare a rispettare in modo rigoroso tutte le misure necessarie a ridurre il rischio di trasmissione quali l’igiene individuale e il distanziamento fisico". In conclusione, la situazione descritta nel "report, relativa prevalentemente alla prima metà di giugno 2020, è complessivamente positiva con piccoli segnali di allerta relativi alla trasmissione. Al momento i dati confermano l’opportunità di mantenere le misure di prevenzione e controllo già adottate dalle Regioni e province autonome".

  • Bonus bici diventa più 'ricco'
    Notizie
    Adnkronos

    Bonus bici diventa più 'ricco'

    “Con un emendamento, di cui sono prima firmataria, abbiamo esteso il fondo per il bonus bici di ulteriori 20 milioni in modo da scongiurare ogni ipotesi di click day. Un risultato importante che va ad accontentare chi ha usufruito in queste settimane dell'incentivo e che rischiava di rimanere escluso dal bonus, avendo avuto la misura un successo sopra ogni aspettativa. Già il governo aveva stanziato ingenti risorse che, secondo le stime, sarebbero stati sufficienti per l’acquisto di 450mila biciclette, ma i dati ci evidenziano come si sia arrivati, ad oggi, a quasi 600mila pezzi venduti". Lo dichiara Paola Deiana, deputata del MoVimento 5 Stelle e capogruppo in commissione Ambiente. "Cifre da capogiro - oltre ogni ottimistica previsione - che fanno presagire una nuova mobilità, finalmente sostenibile. Di fronte a tale richiesta non potevamo rimanere fermi, per questo abbiamo ritenuto fondamentale batterci per stanziare ulteriori 20 milioni di euro. Oggi è un bel giorno per l'ambiente, per la salute dei cittadini e per la mobilità sostenibile”, conclude Deiana.

  • Peste nera, sospetto in Mongolia: scatta la quarantena
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Peste nera, sospetto in Mongolia: scatta la quarantena

    La regione occidentale della Mongolia, ai confini con la Russia, è stata messa in quarantena dopo aver identificato due casi sospetti di peste nera legati al consumo di carne di marmotta.

  • Valeria: "L'ho perdonato perché sento di avere dentro delle colpe"
    Notizie
    notizie.it

    Valeria: "L'ho perdonato perché sento di avere dentro delle colpe"

    Ciavy ha rivelato di non essere innamorato di Valeria, mentre lei ha raccontato il tradimento.

  • Zangrillo: "21 decessi in Lombardia? Non per il Covid"
    Salute
    Yahoo Notizie

    Zangrillo: "21 decessi in Lombardia? Non per il Covid"

    Per Zangrillo non sono morte a causa del virus le 21 vittime registrate giovedì 2 luglio in Lombardia.

  • L'indice di contagio in Veneto è salito oltre la soglia dell'1
    Notizie
    notizie.it

    L'indice di contagio in Veneto è salito oltre la soglia dell'1

    Il rischio contagio da coronavirus in Veneto è passato da basso a elevato: lo afferma Zaia, annunciando una nuova ordinanza per inasprire le regole.

  • Ambasciatore Taiwan in Italia: "Pechino ha oltrepassato il limite"
    Politica
    Adnkronos

    Ambasciatore Taiwan in Italia: "Pechino ha oltrepassato il limite"

    "Con questa legge Pechino ha oltrepassato il limite. Avrebbe dovuto tener fede a un impegno preso con il resto del mondo per altri ventisette anni, ma non lo ha fatto. E' bene capire che in questo modo si sta destabilizzando l'equilibrio del mondo democratico, che non è perfetto, certo, ma cosa c'è dall'altra parte? L'autoritarismo". Lo ha affermato al 'Foglio' l'ambasciatore di Taiwan in Italia, Andrea Sing-Ying Lee, commentando l'entrata in vigore a Hong Kong della contestata legge sulla sicurezza nazionale. "Hong Kong è parte del mondo democratico e liberale. Dall'altra parte c'è il mondo antidemocratico: la Corea del nord, il Venezuela, la Cina", ha spiegato l'ambasciatore, secondo il quale "la Cina si sta portando via un gioiello che era nella casa dei democratici, e se nessuno dice niente - e parlo delle tre potenze più coinvolte, l'America, l'Unione europea e il Giappone - allora vuol dire che lo stesso mondo democratico ha dei seri problemi, e soprattutto Hong Kong sarà per sempre ciò che ha iniziato a essere ieri".  Secondo l'ambasciatore, Taiwan non può essere come Hong Kong, "per motivi geografici" e perché la Cina non ha "sufficienti" risorse militari: "noi abbiamo 300mila soldati e tre milioni di riservisti. E poi c'è il possibile coinvolgimento di altri Paesi. L'opzione militare è insomma inapplicabile, o comunque molto rischiosa per il Partito, ed è per questo che per settant' anni la Cina ha rispettato questa divisione".

  • L'ultimo saluto a Diego ed Elena sabato 4 luglio
    Notizie
    notizie.it

    L'ultimo saluto a Diego ed Elena sabato 4 luglio

    L'ultimo saluto ai gemelli uccisi dal padre avverrà sabato 4 luglio: a Gessate lutto cittadino per i funerali di Diego ed Elena.

  • Muccino dallo Jonio al Tirreno con Raul Bova e Rucio Munos Morales
    Spettacolo
    Adnkronos

    Muccino dallo Jonio al Tirreno con Raul Bova e Rucio Munos Morales

    Un cortometraggio per promuovere la Calabria. E stato presentato oggi a Corigliano Rossano, in provincia di Cosenza, l'avvio delle riprese della pellicola finanziata dalla Regione Calabria diretta da Gabriele Muccino che vede protagonisti Raul Bova e la compagna, l'attrice spagnola Rucio Munos Morales. Un viaggio attraverso il quale il noto attore, di origini calabresi, accompagnerà la sua consorte alla scoperta della Calabria dallo Jonio al Tirreno.  "Lui la conduce - ha spiegato Muccino - con amore nella sua terra. Nelle mie ambizioni vorrei fare innamorare in sei, sette minuti lo spettatore di questo territorio, un luogo che nel suo variare ti coglie impreparato riuscendo a stupire in maniera profonda. E evidente che la Calabria abbia una galassia di sfumature sconosciute. Credo sia una regione che non si sia saputa raccontare abbastanza. Questo dispiace e fa venire una voglia di riscatto di cui mi faccio portavoce perché merita di essere visitata, scoperta e valorizzata". (Video) Il presidente della Regione Jole Santelli ha spiegato di aver preso contezza che la Calabria ha una povertà enorme di immagini e di voler creare una banca dati per rilanciare l'immagine del territorio. "Dobbiamo costruire un racconto della Calabria - ha dichiarato - è un primo tassello importante della nostra attività di promozione. Ho scelto Muccino perché è il regista dell'amore e perché credo che una terra riesce a descriverla meglio chi la conosce meno perché riesce a trasmettere lo stupore del viaggiatore. E prevista la traduzione in varie lingue in questo progetto che fotografa colori, profumi e la magia calabrese anche attraverso i frutti rendendo nota l'enorme biodiversità che ci caratterizza".  Nino Spirlì, assessore alla Cultura della Regione Calabria, nel presentare il progetto cinematografico ha affermato che in Calabria "la Calabria parla in silenzio, un tacere che non è omertà. E la casa di tutti. Qui anche gli ebrei parlavano greco. La clabresità è una treccia che non si può sciogliere". Raul Bova visibilmente emozionato nel ricordare suo padre ha affermato che per lui questo spot è la realizzazione di un sogno. "E quello che avrei voluto fare con Rosio, - dichiara Bova - portarla qui e farle fare un bel giro perché papà ci teneva moltissimo e avrebbe voluto fargliela conoscere. Sono stato educato con valori calabresi: integrità, lealtà, forza d'animo, sguardo alto e rispetto. Da attore raccoglierò le esperienze fatte da giovane qui e le trasferirò in questo lavoro. Mi chiedo sempre come è possibile che questa terra che a me ha dato tanto e non possa dare tanto anche al resto del mondo. Essere vettore della promozione della ricchezza della Calabria, dal mare ai monasteri, alle cascate della mia zona di Bivongi mi rende fiero".

  • Covid, Kim: "Nostra risposta successo splendente"
    Politica
    Adnkronos

    Covid, Kim: "Nostra risposta successo splendente"

    La risposta della Corea del Nord alla pandemia di coronavirus in questi sei mesi è stato un "successo splendente". E' quanto ha detto Kim Jong Un esortando a continuare ad essere "in massima allerta" perché una revoca troppo veloce delle misure di contenimento del virus potrebbero portare ad "una crisi inimmaginabile e irrimediabile".  Secondo quanto riporta l'agenzia di stato Kcna, il leader nordcoreano, in un discorso pronunciato in una riunione del partito, ha affermato che il Paese è riuscito a "prevenire in modo attento" che il virus riuscisse a penetrare nel Paese, ma avvertito che non bisogna abbassare la guardia.  In realtà da quando l'epidemia di Covid 19 è scoppiata nella confinante Cina, spostandosi poi in Corea del Sud, si sa ben poco dell'effettiva situazione sanitaria nel "regno eremita" comunista, dove l'impatto delle epidemia potrebbe essere devastante considerate le condizioni di povertà in cui vive la maggioranza della popolazione. L'agenzia sudcoreana Yonhap ha sottolineato che il fatto che quello di ieri sia stato il secondo politburo del partito in tre mesi per discutere l'epidemia, suggerisce che la situazione sia grave.

  • I due ex rivali al Grande Fratello Vip sono tornati all'attacco
    Notizie
    notizie.it

    I due ex rivali al Grande Fratello Vip sono tornati all'attacco

    Sossio Aruta attacca Antonio Zequila. L'ex calciatore vuole zittirlo con una grande soddisfazione.

  • Caso Marò, il commento di Girone a seguito della decisione dell'Aia
    Notizie
    notizie.it

    Caso Marò, il commento di Girone a seguito della decisione dell'Aia

    Il marò Salvatore Girone ha commentato la sentenza del Tribunale che ha riconosciuto l'immunità dei due fucilieri: "Sono stati quasi incredulo".

  • Grosseto, 15enne violentata: indagati tre minorenni
    Notizie
    Adnkronos

    Grosseto, 15enne violentata: indagati tre minorenni

    Tre avvisi di garanzia con l'accusa di violenza sessuale di gruppo. E' questo il primo passo ufficiale della Procura dei minori di Firenze, guidata dal procuratore capo Antonio Sangermano, nei confronti dei ragazzi ritenuti responsabili del presunto stupro commesso ai danni di una quindicenne durante una festa in un'abitazione a Marina di Grosseto. Un'adolescente che loro conoscevano bene, perché frequentavano gli stessi ambienti scolastici e perché spesso facevano parte dello stesso gruppo nelle ore di svago.  La ragazzina ha denunciato gli abusi e i presunti responsabili, che hanno 16 e 17 anni. Secondo il racconto fatto dall'adolescente - che dopo la denuncia presentata dai genitori è stata ascoltata dalla polizia con l'assistenza di uno psicologo come riferisce "La Nazione" - durante una festa che era stata organizzata sabato sera sarebbe stata fatta entrare nel bagno dell'abitazione e lì i tre minorenni avrebbero compiuto la violenza, forse utilizzando anche degli oggetti trovati nella stanza. Uno di loro avrebbe fatto da palo, restando sulla porta, così da assicurarsi che nessuno potesse entrare. La violenza sarebbe stata anche ripresa con un telefonino e il video fatto poi girare sui social, soprattutto su gruppi Whatsapp. Il video è stato poi rimosso ma è finito ugualmente tra gli elementi in possesso della squadra mobile grossetana.  Gli accertamenti vanno avanti nel riserbo più assoluto - e la prima cosa da verificare resta appunto l'esatto svolgimento dei fatti -, ma non è escluso che i tre minorenni adesso accusati della presunta violenza sessuale possano essere anche gli autori degli atti vandalici commessi nel corso della stessa notte sul litorale con lettini tagliati, ombrelloni divelti e anche gomme di un'auto e di un furgone squarciate. Un raid che si sarebbe concluso con l'aggressione a danno di tre giovanissimi turisti aretini, due dei quali rimasti feriti. Uno in particolare, un quindicenne, ha avuto la frattura della mandibola ed è stato sottoposto ad un intervento chirurgico nell'ospedale di Siena. Su questi episodi indagano i carabinieri.

  • In Italia si diventa anziani a 73 anni, lo dice l'Istat
    Notizie
    Adnkronos

    In Italia si diventa anziani a 73 anni, lo dice l'Istat

    Anziani a 65 anni? No grazie. A decretare il 'superamento' di ormai vecchi "indicatori tradizionali" come quelli "basati sull'età anagrafica delle persone" per indicare l'anzianità, è l'Istat, che nel Rapporto annuale 2020, sostiene a chiare lettere che questi ultimi "non si prestano più allo scopo di definire chi sia anziano". Tanto che negli ultimi decenni, guardando alla speranza di vita residua, "lo spostamento in avanti della condizione di 'anzianità' è stato sempre più veloce", arrivando oggi a 73 anni per gli uomini e a 76 per le donne. E nel 2060, stando alle previsioni, si potrebbe arrivare a 76 e a 79 anni.  "Oggi è sempre più difficile definire chi sia una persona anziana, se non si stabilisce da quale momento della vita abbia cominciato ad esserlo", sentenzia l'Istat. "Fino a pochi decenni fa, coloro che avevano superato il 65° compleanno venivano considerati 'anziani'. Oggi sarebbe difficile ricorrere alla stessa unità di misura, dati i cambiamenti indotti da una speranza di vita in progressivo aumento. Oggi un 65enne - si legge nel Rapporto - può condurre una vita nel pieno del benessere psico-fisico, essere ancora inserito nel mondo del lavoro o occuparsi attivamente dei propri interessi personali o familiari. Dal momento che la condizione stessa dell’anzianità tende a spostarsi in avanti nel tempo".  Secondo l'Istat è dunque necessario "liberare la definizione dell’anzianità dal concetto cronologico", perché "la condizione di vita per la maggior parte degli anziani" "non corrisponde più allo stereotipo di persone isolate e bisognose di assistenza continua, tanto da rappresentare un peso per la società e per le famiglie". Quasi il 50% degli ultraottantenni vive un’ottima qualità della vita, è molto attivo e ha una rete di relazioni estesa e una partecipazione culturale discreta, a volte anche intensa. Circa il 33%, pari a 2 milioni e 137mila, gode di buona salute, risiede soprattutto nel Nord e dichiara risorse economiche ottime o adeguate.

  • La prof di Amici e il suo compagno non hanno ceduto alle tentazioni
    Notizie
    notizie.it

    La prof di Amici e il suo compagno non hanno ceduto alle tentazioni

    Anna Pettinelli e Stefano Macchi stanno ancora insieme? Le news sulla coppia dopo Temptation Island.