Recovery, 47 progrmmi in 171 pagine per il “Plan italiano”

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 11 gen. (askanews) - Si compone di 171 pagine il Recovery Plan che va domani in approvazione al Consiglio dei Ministri, per passare poi al voto finale del Parlamento. Il volume presenta 47 progetti e interventi ripartite in 16 Componenti, ripartite in 6 Missioni.

Le linee guida sono quelle del Recovery Fund Ue: Progetti di digitalizzazione economia e Pubblica Amministrazione; Progetti di transizione ecologica dell'economia (cosidetto "Green"); Progetti di inclusione sociale (superamento della diseguaglianze sociali). Il Piano italiano le declina con tre prioriotà assegnate dal Governo: superamento diseguaglianze di genere; superamento diseguaglianza di generazioni; superamento diseguaglianza territorial

Quanto agli importi, le risorse ammontano a 222 miliardi di cui 144,2 per nuovi interventi. Secondo però quanto riporta una delle tabelle collegate la cifra arriva a quota 310 miliardi, considerando anche la programmazione di bilancio per il quinquennio 2021-2026.

"Non c'e' un mondo di ieri a cui tornare - sottolinea il Governo nel Piano nazionale - ma un mondo di domani da far nascere rapidamente. Next Generation EU esprime l'urgenza e l'opportunita' di un vero e proprio Rinascimento economico europeo, con uno strumento che consentira' alla Commissione di ottenere fondi sul mercato dei capitali. Next Generation EU indica la condivisione di una direzione di marcia comune".

"La prospettiva di un Rinascimento europeo - sottoliena il Governo- non coinvolge solo la ripresa delle nostre economie. E' una sfida culturale, che impegna tutti i territori. E' l'avvio di un processo di trasformazione senza precedenti nella direzione della transizione verde e digitale, che consenta all'Unione di recuperare terreno nella corsa tecnologica globale, di creare lavoro buono mantenendo e rinnovando il modello sociale europeo, di affermare una leadership globale per lo sviluppo sostenibile, ancor piu' necessaria dopo gli Accordi di Parigi sul clima".

(segue)