Recovery: Bonelli, 'da Pnrr poche risposte su cambiamento climatico' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – “Gli investimenti sui 25mila km di reti idriche, che disperdono il 41% di acqua potabile -continua l’esponente dei Verdi- sono ridicoli ovvero pari a 900 milioni di euro stesso discorso per i fondi sulla depurazione che sono solo 600 milioni di euro, nonostante la condanna della Corte di giustizia europea contro l’Italia per i ritardi nel trattamento delle acque reflue in alcune parti d’Italia".

“Non c’è’ un piano per la tutela della biodiversità e l’energia rinnovabile prevista e’ pari a 4,2GW che serve per poco meno un anno rispetto ai target previsti dall’Ue, mentre l’idrogeno alimentato a gas è fortemente sostenuto con tutti i progetti Eni e Snam, come il deposito di stoccaggio della CO2 a Ravenna. L’analisi completa del Pnrr, che è possibile leggere sulle pagine social, dimostra -conclude Bonelli- che la rivoluzione verde di cui parla Draghi non c’è, non solo per la mancata proroga del superbonus edilizio ma per il ruolo delle fonti fossili che è ancora centrale dimenticando investimenti prioritari sul Tpl strategici per contrastare lo smog nelle città".