Recovery: cabina regia, 9 mld per ricerca, 60mila posti letto universitari entro 2026

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 7 ott. (Adnkronos) – Nove miliardi per la ricerca, un impegno per aumentare i posti letto universitari, da qui al 2026, dove sono più carenti, con un incremento di 60mila unità. Sono alcuni passaggi delle linee illustrate oggi dal ministro dell’università e della ricerca, Maria Cristina Messa, durante la prima cabina di regia presieduta dal premier Mario Draghi. "I progetti di ricerca – spiega una nota di Palazzo Chigi – si inseriscono nelle aree di attività più innovative e aderenti alle sfide future del pianeta, come per esempio, rischi ambientali, scenari energetici del futuro, intelligenza artificiale e neuroscienze, biodiversità".

"Le riforme nei target entro il 2021 sono tutte in via di approvazione. Tra queste vi sono quella dei dottorati, per un migliore coinvolgimento delle imprese e centri di ricerca, l’introduzione di lauree abilitanti, che facilitino l’accesso all’esercizio delle professioni, la revisione delle classi di laurea, l’orientamento attivo nella transizione scuola università". Gli investimenti "sono 9 i miliardi di euro destinati al rafforzamento della ricerca. Le linee guida per l’emanazione dei bandi, è stato spiegato, sono pronte e saranno rese pubbliche a breve. I relativi avvisi saranno tutti pubblicati entro il primo trimestre del 2022".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli