Recovery: Crippa, 'con Pnrr decidiamo futuro Italia prossimi 5 anni'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 31 mar. (Adnkronos) – “Non è esagerato affermare che quello di oggi è il giorno in cui il Parlamento si esprime su quale debba essere l’Italia dei prossimi 5 anni”. Lo ha affermato nel corso del suo intervento in Aula, il capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera, Davide Crippa.

“Il ‘Piano nazionale di ripresa e resilienza’ -ha aggiunto- è il primo passo verso un domani in cui l’Italia dovrà impegnarsi per rimettersi in piedi e cominciare a correre più veloce di prima. Questo Piano riguarda ogni aspetto della nostra vita sociale, del nostro apparato produttivo, del nostro comparto industriale e della nostra cultura. Ricordo che l’Italia ha portato a casa la fetta maggiore dei finanziamenti europei, grazie al lavoro dell’ex presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e parliamo di oltre 200 miliardi di euro”.

“Non solo in sostanza il Pnrr è quello di Conte che venne aspramente criticato dagli stessi che oggi si apprestano a votarlo. Sono tre gli assi strategici su cui si articola l’azione di rilancio in questo documento: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica e inclusione sociale. Tre sono, inoltre, le priorità del Pnrr, temi che hanno fatto la storia del Movimento e su cui noi continueremo a porre la nostra attenzione: il Sud, la parità di genere e la scuola. Grazie al lavoro del Movimento -ha concluso Crippa- destineremo una quota significativamente superiore al 34 per cento delle risorse previste per il Sud perché, se riparte il Mezzogiorno, riparte l’Italia”.