Recovery: Draghi, 'sconfitta sarebbe grave per Italia ma anche per futuro Ue'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 apr. (Adnkronos) – Non c'è alcun legame "tra alti tassi di interesse e riforme. oggi le faremo con tassi di interesse pari a zero. Perchè? Perchè con il Pnrr si inaugura una diversa stagione di politica fiscale e di bilancio a livello europeo. Questa è una scommessa ed è una scommessa sulla nostra capacità di spendere e soprattutto di spendere bene questo denaro". Lo dice il premier Mario Draghi nella replica al Senato.

"Questa scommessa vede l'Italia in prima fila come paese che ha tirato di più su questo fondo. Noi siamo responsabili del successo o della perdita di questa scommessa. Una sconfitta su questo fronte sarebbe grave. Intanto perchè saremo noi i primi a pagarne il prezzo ma anche per il futuro dell'Europa perchè non ci sarà più la possibilità di convincere gli altri europei di fare una politica fiscale comune e mettere i soldi insieme.

"Mettere i soldi insieme e fare una politica fiscale comune prima di tutto torna a nostro beneficio perchè siamo uno dei paesi più fragili dell'Europa".