Recovery, Fnopi "Costruiamo il team leader sul bisogno prevalente"

·3 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - Recovery Plan: infermieri in pista sul territorio tra Case e Ospedali di Comunita' e Centrali operative territoriali, per le quali, come ha indicato anche l'Agenas, l'infermiere di famiglia e Comunita' e' il candidato ideale al ruolo di case manager. La Centrale Operativa Territoriale, si legge in una nota di Fnopi, e' uno strumento organizzativo innovativo che svolge una funzione di coordinamento della presa in carico del cittadino/paziente e raccordo tra servizi e soggetti coinvolti nel processo assistenziale nei diversi setting assistenziali: attivita' territoriali, sanitarie e sociosanitarie, ospedaliere e della rete di emergenza-urgenza. L'obiettivo e' assicurare continuita', accessibilita' ed integrazione dell'assistenza sanitaria e sociosanitaria, attraverso un servizio rivolto prevalentemente ad operatori sanitari e sociosanitari: un ruolo in cui gli infermieri hanno dimostrato non solo durante la pandemia la loro professionalita'.

E se resta comunque un dato di fatto la carenza di infermieri rispetto alla quale l'Italia e' tra i fanalini di coda dell'UE, e' forte e chiara l'evidenza dell'impegno di oltre 26mila unita' con contratti di varia natura, flessibili e non, durante la pandemia e per affrontare il post-Covid e recuperare tutte le prestazioni rimaste indietro: gli infermieri ci sono.

"Gli infermieri - spiega la presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche Barbara Mangiacavalli - conoscono e agiscono sul territorio, sono stati quelli che insieme ad altri professionisti, sono andati nelle case delle persone durante la pandemia. Abbiamo avuto l'ennesima conferma delle situazioni di fragilita', di mancata assistenza, di solitudine e isolamento, e come facciamo da anni ci siamo spesi per garantire il possibile nel prendersi carico della salute dei nostri assistiti e per questo siamo in pole position per il ruolo di team leader nel disegno del PNRR".

"Lo rivendichiamo nel contenuto - afferma ancora Mangiacavalli - e non nel contenitore: non se ne puo' piu' di sentir parlare di 'contenitori' e di leggere articoli in cui si discute se si deve chiamare in un modo piuttosto che in un altro o in cui ci si riferisce ancora a questioni ormai inesistenti di gerarchia".

"Spero che la forza del PNRR - sottolinea - sia quella di rivedere e innovare modelli, spero che la forza stia nel non ragionare piu' di contenitori e gerarchie. Si raccomanda l'e'quipe multiprofessionale in cui deve esserci un team leader che rappresenta la professione che risponde al bisogno prioritario trovato in quella famiglia, in quella comunita', in quel singolo".

"Allora - spiega la presidente FNOPI - costruiamo il team leader sul bisogno prevalente che sia sanitario, sociale, sociosanitario, socioassistenziale: i meccanismi di lavoro non possono essere gerarchizzati secondo modelli precostituiti, ma deve esserci un adattamento reciproco, non la standardizzazione delle competenze, ma la standardizzazione della formazione. Questa e' una vera e'quipe multiprofessionale e questa e' l'organizzazione che ci aspettiamo dalle Regioni. Gli infermieri saranno al fianco di quelle che vogliono costruire davvero il nuovo modello, ma con altrettanta forza respingeranno ogni ipotesi di rimanere ancorati a vecchi schemi precostituiti".

(ITALPRESS).

fsc/com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli