Recovery Fund, Amendola: la struttura di governance la chiede l’Ue

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 dic. (askanews) - "Noi dobbiamo fare chiarezza: la governance è nelle linee guida della Commissione europea, ogni Paese poi sceglie come costruire la sua governance". Lo ha detto il ministro degli Affari europei, Enzo Amendola (Pd), rispondendo davanti a palazzo Chigi alle domande dei giornalisti sul tema della struttura di monitoraggio sull'attuazione del piano per il Recovery Fund che Italia viva aveva contestato e che nel corso degli incontri fra il Governo e le forze di maggioranza è stata accantonata. "A pagina 33 delle linee guida - ha precisato - la Commissione chiede che ci siano strutture per il monitoraggio, per aiutare le pubbliche amministrazioni. Questi sono progetti per cui si apriranno cantieri, si realizzeranno opere quindi la Commissione europea chiede che ogni Paese si organizzi con una struttura - che non sostituirà i ministeri come è stato detto - ma che aiuterà, è un lavoro positivo, la pubblica amministrazione".

"Come delineeremo queste norme - ha affermato Amendola - si farà come abbiamo fatto in questi giorni: discutendo, guardando tutti gli elementi, portandoli in Parlamento".