Recovery, Giacobbe: da comunità eastero valore aggiunto per Pnrr

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 mar. (askanews) - La commissione industria, commercio e turismo del Senato ha dato parere favorevole al piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). Già durante le prime audizione dell'allora ministro Patuanelli il senatore dem Francesco Giacobbe aveva sottolineato - si spiega in una nota - l'importanza del Piano e soprattutto il valore aggiunto che le comunità all'estero avessero potuto dare allo sviluppo economico dell'Italia.

"In questi mesi - spiega - ho potuto registrare soprattutto da parte dei nostri connazionali all'estero molto interesse affinchè nel PNRR anche le nostre comunità potessero avere il giusto riconoscimento. Nelle osservazioni riportate da parte della commissione infatti viene posto l'accento sulla rete e il network degli italiani all'estero costituito dalla rete delle Camere di Commercio Italiane all'Estero, dalle istituzioni di rappresentanza delle nostre Comunità per favorire la promozione dell'Italia e l'export di beni e servizi Made in Italy, e nello stesso tempo esplorare la possibilità di investimenti e stimolare investimenti dall'estero verso l'Italia".

"Altra osservazione recepita - continua Giacobbe - mira ad incentivare il cosiddetto turismo di ritorno, dato, fra l'altro, il forte interesse all'estero per i piccoli borghi. Fare conoscere questi luoghi anche di origine per i tanti giovani che vogliono riscoprire le proprie radici e origine dei familiari; riuscendo a renderli accessibili attraverso strutture ricettive adeguate. Occorre coinvolgere le nostre comunità nel mondo con un'intensa campagna promozionale che coinvolga i giornali e media in lingua italiana, iniziative di turismo sociale, interscambio di giovani, ed altre iniziative".

Per ultimo, ma non perché meno importante, l'accesso da parte dei nostri connazionali al cosiddetto 'superbonus 110%" per le ristrutturazioni delle abitazioni. Dato il forte interesse da parte dei nostri concittadini all'estero, i quali possono accedere a tale bonus ma solo optando per la cessione del credito, rendere e semplificare il più possibile le procedure burocratiche per l'accesso a tale bonus.

"I nostri cittadini italiani mondo, oggi come nel passato possono contribuire alla nostra economia con risorse economiche dall'estero, conclude il senatore dem eletto all'estero