**Recovery: la spinta dei sindaci dem, 'Pd prenda bandiera velocità'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 mag. (Adnkronos) – "Tenere insieme velocità e legalità, semplificazione e regole. Il Pd deve prendere la bandiera della velocità, questa volta deve uscire dalla crisi un Paese più semplice per una vera rinascita". Matteo Ricci, sindaco di Pesaro e coordinatore dei sindaci Pd, sintetizza così all'Adnkronos il senso della lettera sottoscritta da 80 amministratori dem sul Pnrr. "La sfida dei prossimi mesi per l’Italia si può riassumere in una sola parola: velocità. Dovremo saper impiegare in tempi rapidi i fondi a disposizione per la rinascita economica e sociale del Paese", si legge nel testo della lettera.

"E’ fondamentale, per una forza riformista come il Partito Democratico, diventare il motore politico di un Paese più semplice e più veloce", è lo stimolo del documento sottoscritto, tra gli altri, dai sindaci Antonio Decaro, Dario Nardella, Virginio Merola, Giorgio Gori, Leoluca Orlando. "Sta a noi dimostrare che il rispetto delle regole può e deve convivere con la semplicità e il dinamismo; sta a noi capire che la velocità, soprattutto in questo periodo storico, è democratica".

Ed è per questo, scrivono i sindaci, che "il Pd non solo dovrà sostenere questo sforzo, ma dovrà diventarne il perno". Altrimenti il rischio è quello di assistere "per settimane, per mesi, alle sparate demagogiche di una certa destra". Dice Ricci: "La destra ha una certa repulsione per le regole e spaccia spesso la semplificazione per deregulation. Sulla velocità e sul progetto di un paese più semplice, il Pd deve dettare l’agenda e sostenere le riforme Draghi. Altrimenti il rischio dei prossimi mesi è quello di inseguire le sparate demagogiche di Salvini anche su questi temi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli