Recovery: Letta, 'prossimo passo non più 26 piani nazionali, ma progetti europei'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 29 ott. (Adnkronos) – "L'Europa ha dato una risposta incredibile alla crisi. Per tre ragioni: perchè abbiamo imparato la lezione di quanto accaduto prima, inoltre eravamo ben consapevoli della necessità di essere proattivi e poi perchè questa volta rispetto al passato, si è messa in campo una risposta comune". Così Enrico Letta intervenendo al Global Progress Summit 2021, in corso a Roma, con Pedro Sanchez e Olaf Scholz.

"Il Next Generation Ue sarà buona idea se dimostriamo di sapere spendere questi soldi facendo riforme, pingendo la crescita e impiegando le risorse con rapidità", aggiunge. Per Letta "se vogliamo competere con Cina e Usa non possiamo limitarci al piano nazionale".

"Se saremo capaci di spendere questi soldi in maniera adeguata, il prossimo passo sarà inventare un Next Generation Ue a livello europeo: non 26 piani nazionali o 26 progetti nazionali che non dialogano tra loro ma progetti transfrontalieri, europei". Conclude: "Io sono ottimista perchè vedo quello che sta facendo il governo italiano, noi sosteniamo il governo Draghi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli