Recovery: Mantovani (Cida), 'Pnrr si misurerà sulla capacità dei manager'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 apr. (Labitalia) – Per la Cida, Confederazione sindacale che rappresenta unitariamente a livello istituzionale dirigenti, quadri e alte professionalità del pubblico e del privato, "va dato atto al Governo Draghi di aver stilato un Piano di ripresa e resilienza nel rispetto dei tempi previsti, con un’ambiziosa indicazione di obiettivi e programmi dettagliati e con uno spazio importante dedicato alle riforme strutturali". “Ora occorre la capacità organizzativa necessaria a realizzare i progetti e attuare le riforme: rinnoviamo l’appello ad inserire cultura e competenze manageriali nella ‘governance’ del Pnrr, per dare apporto gestionale e professionale alla sfida epocale del Piano” ha detto Mario Mantovani, presidente di Cida, nel giorno in cui il Pnrr viene illustrato in Parlamento dal presidente del Consiglio.

“Il commissario Ue, Paolo Gentiloni, -ha aggiunto Mantovani- ha chiaramente spiegato che l’Italia ha fatto un ottimo lavoro, ma che siamo all'inizio di un percorso e di questo occorre essere consapevoli. Anche dopo l'approvazione del Piano da parte di Bruxelles, la Commissione Ue, periodicamente, dovrà decidere se erogare la parte di finanziamenti che il Paese aspetta. E lo farà sulla base degli obiettivi indicati nel piano e ai tempi della loro realizzazione. Insomma, un piano ben disegnato ha bisogno di essere attuato e noi dovremo farlo confrontandoci con procedure difficili, tortuose, a volte contraddittorie". “Senza le competenze dei manager nelle fasi operative dei progetti contenuti nel Pnrr, senza il loro apporto nelle task force territoriali che ne verificheranno l’attuazione in collaborazione con le amministrazioni locali, tutto diventerà più difficile. Ci troveremmo di fronte ad un motore lanciato al massimo, che non riesce a scaricare la potenza disponibile. I tanti fondi Ue rimasti inutilizzati negli anni dimostrano le nostre storiche difficoltà a dare concretezza ai progetti ‘politici’ e anche a spiegare una certa diffidenza che la burocrazia Ue usa verso di noi", ha osservato Mantovani.

"Non a caso il premier Draghi ha dovuto usare il proprio prestigio personale con Bruxelles per evitare ulteriori richieste di controlli, impegni, garanzie, da inserire nel Pnrr. Ma questa non può certo diventare la prassi nel dialogo con i nostri partner", ha detto il presidente Cida. “Cida è convinta di rappresentare non solo interessi, ma anche competenze, professionalità e autorevolezza che intende mettere in gioco, a disposizione e a supporto delle istituzioni. E’ sulle capacità dei manager che andrà misurata la fattibilità del Pnrr”, ha concluso Mantovani.