Recovery: P. De Luca (Pd), 'via libera momento storico, orgogliosi lavoro fatto' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – “Nel prossimo Consiglio europeo -continua De Luca- si affronteranno questioni di grande rilevanza, partendo dall’attuale situazione epidemiologica. Per costruire una vera e propria Europa della salute dobbiamo migliorare il coordinamento tra gli Stati e rafforzare la strategia per i vaccini sostenendo, come ha fatto il presidente Draghi, la sospensione transitoria dei diritti di brevetto e la cessione delle licenze di produzione. Grazie alla richiesta dell’Italia, il Consiglio si occuperà anche di immigrazione. È giunto il tempo di definire un Next generation EU anche per le politiche migratorie fondato su condivisione delle responsabilità, umanità e sicurezza e superando finalmente il Regolamento di Dublino".

"Noi democratici continueremo le nostre battaglie per un’Unione che modifichi il Patto di Stabilità, che renda strutturale il programma SURE e il Recovery plan. Siamo per un’Europa dell’equità, che ponga fine ai paradisi fiscali, eliminando l’inaccettabile dumping di troppe aziende, sulla scia dell’accordo raggiunto all’ultimo G7 su un’aliquota minima globale per la tassazione delle multinazionali. Ecco la nostra idea di Europa. E ci sono oggi tutte le condizioni per realizzarla”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli