**Recovery: Passera, 'fiduciosi su piano, Italia avrà da investire fino a 500 mld'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 17 mar. (Adnkronos) – Corrado Passera, fondatore e ceo di illimity, un passato da ministro dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti e alla guida di società come Poste e Intesa Sanpaolo, è fiducioso del Recovery plan a cui sta lavorando il governo Draghi, ma invita a non considerarlo come l'unico strumento a disposizione del Paese per il possibile rilancio.

Utilizzare i fondi del Next Generation Europe nel giusto modo può fare infatti la differenza. "Siamo in attesa di sapere quale sarà il piano italiano, ma avendo messo sul progetto persone di tale competenza e capacità mi aspetto che sia fatto al meglio", spiega in un’intervista all'Adnkronos. "E' però molto importante – sottolinea – che non si guardi ai 200 miliardi come alle uniche risorse a disposizione del Paese nei prossimi anni. Nel corso dei prossimi anni, oltre alle risorse a fondo perduto e ai finanziamenti del Next Generation Eu, avremo a disposizione tutta una serie di altri meccanismi di finanziamento nazionali e europei, come i fondi strutturali e, se decidessimo di usarlo, il Mes. In tal senso, il Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza, ndr) va inserito nel quadro completo di medio periodo".

Per Passera "Nei prossimi 4-5 anni l'Italia potrebbe avere a disposizione per investimenti 400-500 miliardi di euro, sommando sia i fondi nazionali che quelli comunitari, e una cifra di questo genere offre un'opportunità unica e storica per ridisegnare il Paese".